Connect with us

Mood Town

9 film da guardare (e riguardare) per viaggiare da casa

Published

on

Quando non c’è la possibilità di viaggiare, esistono tantissimi modi per spostarsi con la mente da un continente all’altro per scoprire luoghi, storie e culture senza nemmeno uscire di casa.

Per soddisfare il bisogno dei viaggiatori che non vedono l’ora di esplorare, Volagratis.com ha selezionato i film di viaggio da guardare e riguardare: dall’Italia all’Islanda, 9 viaggi da fare con i popcorn in mano e comodamente seduti sul divano.

1 – In America Latina con “I diari della motocicletta” (2004)

I diari della motocicletta fa volare nell’America Latina del 1952 insieme a due giovani Ernesto Guevara e Alberto Granado. Il viaggio, che inizia in sella a una moto, soprannominata “la Poderosa”, e termina con mezzi di fortuna, porterà i due protagonisti a percorrere oltre 14.000 chilometri in quattro mesi e ad attraversare luoghi meravigliosi come le Ande, la costa cilena, il deserto di Atacama e la foresta amazzonica, fino al Venezuela. Le persone incontrate lungo il cammino condivideranno le loro storie e le loro sfortune alimentando continue riflessioni, domande e dubbi su una società ricca di contrasti e in continua evoluzione.

2 – In India con “Il treno per il Darjeeling” (2007)

Tre fratelli, un treno e un unico scopo: ritrovare il legame che un tempo li univa. Dopo la morte del padre e un grave incidente, Francis decide di salire a bordo del Darjeeling Limited e di intraprendere un viaggio su rotaia attraverso l’India per recuperare un rapporto ormai sbiadito, vivere una rinascita spirituale e capire ciò che conta davvero nella vita. In questa esperienza surreale si farà accompagnare proprio dai due fratelli, per raggiungere insieme il convento himalayano dove la loro madre vive ormai isolata dal resto del mondo. Il tutto raccontato con il ritmo e i colori tipici dei film di Wes Anderson.

3 – In Egitto con “Non è mai troppo tardi” (2007)

Edward Cole e Carter Chambers condividono due cose: un tumore allo stadio terminale e una stanza d’ospedale. Nonostante due vite diametralmente opposte, decidono di stilare una lista delle cose da fare prima di morire e, soprattutto, di eliminare ogni voce dalla lista. Intraprendono così un viaggio straordinario in giro per il mondo: dalla Cina all’Egitto, passando per la Francia, la Tanzania e il Nepal, fino ad arrivare al Polo Nord. Un percorso fatto di avventure, di riflessioni e di relazioni da ricostruire, perché, alla fine, non è mai troppo tardi.

4 – In Alaska con “Into the Wild – Nelle terre selvagge” (2007)

Basato sul libro Nelle terre estreme di Jon Krakauer, Into the wild – Nelle terre selvagge racconta la storia vera di Christopher McCandless: un neolaureato che decide di intraprendere un lungo viaggio dalla Virginia, dove vive, all’Alaska. Portando con sé solo il minimo indispensabile, Alex Supertramp, come si farà chiamare, incontrerà lungo il cammino persone e storie:  un viaggio che mostra il lato più umano e più crudo degli Stati Uniti, ma anche alcune meraviglie naturali del paese.

5 – In Italia con “Basilicata coast to coast” (2010)

Con Basilicata coast to coast (2010) si viaggia in Italia, inseguendo la musica. Partendo da Maratea, quattro amici si incamminano a piedi alla volta di Scanzano Jonico per partecipare a un festival nazionale della canzone: seguendo strade secondarie, quello che avrebbe potuto essere un breve viaggio in auto si trasforma in un cammino simbolico e in un’occasione per ridare un senso alle proprie vite, ormai alla deriva tra routine e fallimenti.

6 – A Bali con “Mangia prega ama” (2010)

Mangia prega ama porta sul grande schermo il libro autobiografico di Elizabeth Gilbert, con Julia Roberts nei panni della protagonista. L’autrice è una donna con una vita solida e appagante, ma dopo essersi lasciata alle spalle un divorzio e una relazione tormentata, decide di partire per un viaggio in solitaria per ritrovare se stessa. Dall’Italia all’India e dall’India a Bali, Elizabeth intraprende un percorso che è soprattutto interiore e che la avvicina alle bellezze del mondo, alla buona cucina e alla pace interiore.

7 – Fino all’Islanda con “I sogni segreti di Walter Mitty” (2013)

La vita del timido Walter Mitty è fatta di una consolidata routine e di un lavoro, quello per la rivista Life, che gli permette di sognare ogni giorno ad occhi aperti. Le cose però cambiano all’improvviso quando il magazine viene venduto, inizia a girar voce di una riduzione del personale e Walter riceve da un celebre fotografo solitario una busta con alcuni negativi: tra questi quello di una foto eccezionale che dovrebbe essere usata come copertina del nuovo numero. L’immagine però non si trova e Walter, per non perdere il posto, decide di partire per un viaggio alla ricerca del fotografo stesso: dalla Groenlandia all’Afghanistan, passando per l’Islanda.

8 – Lungo il Pacific Crest Trail con “Wild” (2014)

Wild è un inno alla forza di volontà femminile, una storia fatta di sofferenza e di forza. Protagonista è Cheryl Strayed che, stravolta da un difficile divorzio e dalla recente perdita della madre e così, decide di partire per un viaggio lungo il Pacific Crest Trail, celebre sentiero tra boschi e montagne degli Stati Uniti occidentali. Il viaggio, lungo circa tre mesi, le permetterà di superare i suoi limiti e di ripartire da zero lasciandosi alle spalle le esperienze che hanno segnato la sua vita.

9 – In Australia con “Tracks – Attraverso il deserto” (2014)

Attraversare a piedi il deserto australiano, da Alice Springs all’Oceano Indiano, percorrendo oltre 2700 chilometri. Il progetto di Robyn Davidson è ambizioso e un po’ folle, soprattutto se si pensa che gli unici a farle compagnia sono quattro dromedari e un cane. Tratto da una storia vera, il film porta sul grande schermo gli incontri, le difficoltà e la forza di volontà di una giovane ragazza australiana che intraprende questo percorso in solitaria, affiancata solo a tratti dal fotografo Rick Smolan, che lavora per National Geographic e che vuole raccontare la sua storia al mondo.

Per questi e altri film segnaliamo che Infinity, la piattaforma di video streaming on demand del Gruppo Mediaset, ha deciso di raddoppiare l’offerta, regalando non più uno, ma due mesi gratuiti di prova del servizio. Infinity mette a disposizione il ricchissimo catalogo che comprende oltre ai grandi titoli in prima visione e in 4K, migliaia di film, cartoni e serie per tutta la famiglia. A partire dal 7 marzo, chi si registrerà su infinitytv.it potrà usufruire del servizio gratuitamente per due mesi.

di Lidia Pregnolato per DailyMood.it

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciassette − sei =

Mood Town

8 tesori naturali e culturali da scoprire in centro america: le più grandi bellezze nascoste assolutamente da non perdere

DailyMood.it

Published

on

Tra le acque cristalline, le spiagge dorate e la natura selvaggia dell’America Centrale si nascondono meravigliosi e spettacolari tesori naturali e culturali insoliti assolutamente da non perdere.

Dai famosi templi Maya in Belize alla bellezza di Laguna Lachuá in Guatemala, dal lago Yojoa in Honduras alla Montaña Redonda della Repubblica Dominicana, da Bajos del Toro in Costa Rica a Playa Santa Catalina a Panama fino alle splendide Isole del Maíz in Nicaragua e al El Imposible National Park di El Salvador: tra le acque cristalline, le spiagge dorate e la natura selvaggia dell’America Centrale si nascondono meravigliosi e spettacolari tesori naturali e culturali insoliti assolutamente da non perdere.

1. I templi di Caracol – Belize
Un viaggio in Belize non può non prevedere una tappa alle rovine Maya. Nonostante quando si parla di questa antica popolazione subito si pensa a siti archeologici come quello di Tikal, in Guatemala (uno dei più grandi al mondo), altri siti e templi meno conosciuti meritano decisamente di essere esplorate. È il caso di Caracol, in Belize, il più grande sito Maya del paese: immerso nella Chiquibil Forest Reserve, proprio qui si trova il tempio Maya più grande del paese, con i suoi 43 metri di altezza. Anche il sito di Xunantunich, nel distretto di Benque Viejo, è una tappa obbligata: qui è possibile ammirare la seconda struttura Maya più grande del paese, un tempio arroccato in una grotta, ma anche i templi più piccoli di Altun Ha e Lamanai.
2. Le meraviglie naturali di Bajos del Toro – Costa Rica
Tra vulcani spenti, un paesaggio verdeggiante, incredibili cascate mozzafiato e sentieri immersi nella natura, Bajos del Toro, in Costa Rica, è certamente uno dei luoghi più suggestivi del Costa Rica. Proprio qui giace possente il Vulcano Poas: ad oggi ancora attivo, ha uno dei crateri più grandi del mondo. A Bajos del Toro gli appassionati di bird watching potranno osservare le numerosissime specie che vivono nel Parco Nazionale di Juan Castro e nella Riserva Biologica di Bosque de Paz. Spettacoli naturali assolutamente da non perdere, che lasciano ogni osservatore senza fiato, sono l’incredibile Cascata del Toro, la più grande del paese, e la Cascata del Tesoro Escondido, scoperta di recente.
3. Montaña Redonda – Repubblica Dominicana
Scoperta di recente, la Montaña Redonda, in Repubblica Dominicana, è il luogo perfetto per lasciarsi incantare da una spettacolare vista sulle montagne e sul mare. Situata a Miches, con la sua altezza di 300 metri, la Montaña Redonda regala una vista unica a 360 gradi su un bellissimo paesaggio naturale: da qui, si vedono nitidamente alcuni tra i luoghi più iconici del paese, come la Baia di Samaná, la Laguna di Redonda, il Limón, Miches e il Seibo. Proprio in cima, si può provare l’esperienza unica e adrenalinica di avere tutta la Repubblica Dominicana sotto i propri piedi, salendo su un’altalena sospesa nel vuoto che vi farà volare sull’incredibile paesaggio mozzafiato.
4. Il Parco Nazionale di El Imposible – El Salvador
Con un’altitudine che va dai 300 ai 1.450 metri, il Parco Nazionale di El Imposible, a El Salvador, è una bellezza naturale davvero unica al mondo. Nei suoi oltre 5.000 ettari, il parco ospita 500 specie di farfalle, 279 specie di uccelli, 100 specie di mammiferi e quasi 400 specie di alberi, due delle quali rappresentano nuove e recenti scoperte e crescono esclusivamente in quest’area naturale. Con la sua foresta tipica del primo Mesomeria il parco, dichiarato Parco Nazionale nel 1989, prende il nome di “El Imposible” per la pericolosa gola che ospita e che oggi è possibile attraversare grazie ad un ponte e ospita la più grande biodiversità di El Salvador.
5. Laguna Lachuá – Guatemala
Nota in tutto il mondo per i suoi laghi turchesi incontaminati, immersa nella folta foresta pluviale, Laguna Lachuá, in Guatemala, si trova proprio nel cuore del Parco Nazionale di Cobán. Questo gioiello guatemalteco è stato solo recentemente scoperto a livello turistico ed è ora destinazione di grande interesse sia per i viaggiatori che per gli abitanti locali. Il lago, con la sua forma quasi circolare, è profondo 200 metri e si contraddistingue non solo per il suo mix di colori, ma anche per l’odore leggermente solforoso. Nelle sue acque, infatti, è presente una percentuale di calcite che contribuisce a creare sfumature di verdi e azzurri che si fondono insieme in un continuum incredibilmente suggestivo.
6. Il Lago Yojoa – Honduras
Il lago Yojoa, in Honduras, è la più grande riserva d’acqua dolce del paese e negli ultimi anni sta diventando una destinazione estremamente popolare per tutti i viaggiatori. Immerso nel verde della foresta, il lago Yojoa è un punto d’interesse strategico anche per gli amanti degli uccelli: si stima che ogni anno, in un’area di meno di 1.000 km2, qui siano presenti circa 500 specie diverse di uccelli. Attorno al lago, si fondono tre tipi diverse di foreste e zone umide e l’intera area si è rivelata col tempo il luogo ideale per l’ecoturismo, le gite in barca, gli sport acquatici come jet ski, regate e kayak ma anche per la pesca.
7. Santa Catalina – Panama
Oltre ai luoghi più conosciuti e visitati come Volcan, Bahía Pinas e Isla Coco Blanco, dove si possono trovare piccole comunità locali, rifugi nel mezzo della foresta e spiagge isolate e quasi deserte, Panama riserva moltissimi luoghi inaspettati tutti da scoprire. Una delle spiagge meno frequentate da visitare assolutamente è Santa Catalina, un piccolo villaggio e isolotto di pescatori dove fare le migliori immersioni e surfate di tutto il paese. Situato sull’Oceano Pacifico, nella provincia di Veraguas, Santa Catalina è infatti il posto migliore per fare surf, oltre ad essere anche il punto di partenza perfetto per le escursioni al Coiba National Park, un parco nazionale ideale per le immersioni, le escursioni e l’osservazione della fauna selvatica. Dal parco, che ospita bellissime spiagge dove rilassarsi, i più coraggiosi possono provare a raggiungere a nuoto l’isola di Santa Catalina, che dista 1,5 km.
8. Islas de Maíz – Nicaragua 

Con le loro splendide acque turchesi, le palme e la sabbia finissima, le Islas de Maíz (le Isole del Mais), in Nicaragua, sono un vero e proprio paradiso per chi cerca un luogo in cui trovare tranquillità e disconnettersi durante la propria vacanza. Situate a circa 50 miglia al largo della costa orientale del Nicaragua, le Isole del Mais sono due, Big Corn e Little Corn, entrambe perfette per una fuga nel cuore della natura. La maggior parte dei visitatori che arrivano nelle isole tende a soggiornare a Little Corn Island, dove non ci sono strade asfaltate né veicoli a motore e regnano natura e tranquillità.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Mood Town

Cinque ottimi motivi per andare a Brisbane

DailyMood.it

Published

on

Brisbane è una città cui non manca proprio nulla. È la terza città più popolosa dell’Australia, nonché capitale dello Stato del Queensland, e da diversi anni attrae numerosissimi turisti. Tuttavia, è una meta popolare soprattutto fra i turisti nazionali: vanta quasi un milione di visitatori dall’estero ogni anno, numero di gran lunga inferiore a quello registrato da Sydney e Melbourne.

Dato che forse possiamo finalmente cominciare a pianificare qualche viaggio in vista della fine della pandemia, o almeno a fantasticare un po’, ecco a voi qualche buon motivo per scegliere proprio Brisbane come prossima meta.

1. È un paradiso per chi ama lo sport

Sia che preferisca praticare un’attività sportiva, o limitarsi a guardare gli atleti all’opera, qualsiasi fanatico dello sport adorerà Brisbane, sede di importanti eventi internazionali e location sportive. Lo sport più popolare del luogo è il rugby, quindi sarebbe d’obbligo trascorrere una serata al Suncorp Stadium per assistere alle prodezze dei Brisbane Broncos. I tifosi del calcio, nello stesso stadio, troveranno soddisfazione con le partite dei Brisbane Lions, la squadra professionistica della città.

Brisbane è anche la patria del Brisbane Cricket Ground, lo stadio noto con il nome di “The Gabba”, che ospita molti incontri di cricket della nazionale australiana e di squadre come i Queensland Bulls e i Brisbane Heat. Il The Gabba è anche famoso per essere la sede ospite dei Brisbane Lions dell’AFL (Australian Football League).

Gli appassionati di tennis, invece, farebbero meglio a visitare Brisbane a gennaio, durante il torneo maschile e femminile Brisbane International.

Chi volesse mantenersi in forma anche durante il proprio soggiorno nella città ha numerose opzioni fra cui scegliere, fra campi da golf, tour in kayak, passeggiate a piedi e gite avventurose.

2. Ha una vita notturna spettacolare

Se c’è una cosa che accomuna tutte le città dell’Australia è la vivacità della loro vita notturna, e sicuramente Brisbane non fa eccezione. Brisbane offre infatti un’ampia varietà di divertimenti notturni, per tutti i gusti: vi troverete pub tradizionali, locali più tranquilli, pub sofisticati, discoteche, locali con musica dal vivo e casinò.

Bar Pacino, Blackbird e Riverbar Kitchen sono le scelte giuste se volete godere di viste mozzafiato sulla città. Per ammirare lo skyline, invece, segnatevi questi due nomi: Eleven Rooftop Bar ed Elixir.

A Brisbane ci sono anche numerose enoteche in cui è possibile assaggiare i vini del posto, whiskey bar pluripremiati e locali dedicati alla musica jazz e blues dal vivo. Se vi sentite abbastanza audaci da tentare la sorte, date un’occhiata ai casino della città (il più famoso è il Treasury), ma assicuratevi di  giocare d’azzardo in modo responsabile.

3. È interessantissima dal punto di vista naturalistico

Brisbane sarà anche la terza città più popolosa dell’Australia, ma questo non significa che manchi di spazi verdi dentro la città e di siti naturalistici nelle aree circostanti.

A questo proposito, una delle esperienze tipiche e più indimenticabili da fare a Brisbane è quella di vedere da vicino i koala. Per avere persino l’irripetibile possibilità di coccolarne uno, bisogna recarsi al Lone Pine Koala Sanctuary, il primo e più importante santuario per questi animali.

Altri splendidi luoghi faunistici da visitare nei dintorni di Brisbane sono: Australian Zoo, Walkabout Creek Wildlife Centre, O’Reilly’s Birds of Prey Rainforest Retreat, Ottaba Llamas e Try It Emu Farm.

Oltre a offrire la possibilità di familiarizzare con questi splendidi animali esotici, l’ambiente naturale di Brisbane è l’ideale per numerose attività divertenti: scalate in montagna, visite in spiaggia, escursioni a piedi, cascate e laghi da esplorare.

4. Moreton Island è vicinissima

Ad appena 75 minuti di traghetto da Brisbane si trova Moreton Island, terza isola di sabbia del mondo nonché vero e proprio paradiso.

Sia che si tratti della meta di una visita lunga un’intera giornata, di un pernottamento, o di un soggiorno di qualche giorno, Moreton è sempre una buona scelta. Consiglio caldamente di trascorrere una giornata in completo relax sulla spiaggia, o di cavalcare le onde sulla moto d’acqua: ne vale davvero la pena.

Ma quest’isola offre molto altro da fare e da vedere: è possibile godere di un panorama bellissimo dal faro di Cape Moreton, dar da mangiare ai delfini al tramonto, fare whale watching, scalare il Mount Tempest, farsi una nuotata nel Blue Lagoon. Ah, e non dimenticate la maschera per fare snorkeling!

Il fatto che Moreton Island sia così vicina a Brisbane ne fa una meta molto comoda da raggiungere; eppure, una volta arrivati, sembra di essere entrati in un altro mondo!

5. Offre un’esperienza di shopping superlativa

Brisbane sa senz’altro soddisfare i fan dello shopping. In città troverete i negozi delle grandi firme internazionali, le botteghe artigianali locali, negozi di antiquariato di tendenza: questa città ha tutto ciò che serve per far sorridere ogni tipo di estimatore o estimatrice dello shopping terapeutico.

Imperdibile  la zona commerciale più grande di Brisbane, ma è degna di nota anche Fortitude Valley, una delle zone più cool: con la sua atmosfera vagamente bohémienne, è la sede giusta per gli stilisti e le stiliste indipendenti, le boutique e gli artigiani.

Infine, per quanto riguarda i summenzionati negozi di antiquariato, per fare affari di questo tipo è bene recarsi a Paddington, pullulante di negozi di antichità. Ma anche Woolloongabba (la zona dello stadio di cui abbiamo parlato) è un luogo eccellente per lo shopping dal sapore vintage e retrò.

 

 

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Mood Town

Hotel Steigenberger Alcazar – Un luogo che crea ricordi indimenticabili

DailyMood.it

Published

on

La luminosa Sharm El Sheikh e la costa del Mar Rosso: non è una combinazione perfetta per una vacanza meravigliosa? Ma gli esperti dei Luxury Lifestyle Awards hanno un’altra componente da aggiungere: l’ospitalità egiziana unita alla qualità del servizio tedesco, e l’Hotel Steigenberger Alcazar ne è la prova.

Quest’anno l’hotel è stato nominato vincitore dei LLA nella categoria Best Luxury Resort a Sharm El Sheikh, Egitto.

Lo Steigenberger Alcazar è un hotel a 5 stelle situato in una posizione eccellente nella bellissima zona di Nabq Bay, a quasi 15 minuti dall’aeroporto internazionale di Sharm El-Sheikh. L’hotel dispone di 610 camere di lusso che danno vita a un’esperienza di vacanza senza pari per tutti gli ospiti. 99 di queste camere hanno accesso diretto alla piscina. Ci sono anche dodici suite, di cui 5 con piscina privata e due ville con piscina privata, dedicate agli ospiti che cercano il massimo del comfort e dell’esclusività. L’area esterna dell’hotel è abbellita da ampi giardini che, con il loro verde, fanno da cornice alle piscine.

Uno dei punti di riferimento dell’Hotel Steigenberger Alcazar è la meravigliosa spiaggia privata di sabbia di 35.000 metri quadrati. L’impressionante scenario sottomarino lo rende ideale per lo snorkeling e le immersioni. L’hotel offre anche svariate attività a terra per gli amanti dello sport, tra cui trattamenti termali e palestra.

Soggiornando in hotel rimarrete incantati dalle seducenti specialità della cucina italiana, asiatica, mediterranea, di mare e libanese nei ristoranti situati in tutta l’area del resort. Tre bar vi offriranno bevande rinfrescanti da sorseggiare a bordo piscina. Tra questi il luogo più attraente è sicuramente il Beach Bar, dove potrete prendere il sole e gustare i vostri drink preferiti.

Gli Steigenberger Hotels sono noti per offrire esperienze di vero lusso con servizi tedeschi di alta qualità. L’Hotel Steigenberger Alcazar non fa eccezione. Qui facciamo il possibile per far sì che i nostri ospiti possano godere di ogni attimo nel nostro hotel. Ecco perché questo alto elogio da parte dello stimato comitato dei Luxury Lifestyle Awards rappresenta un grande onore per il nostro team” – afferma Ibrahim Redwan, General Manager dello Steigenberger Alcazar.

Per concludere, il primo piano dell’edificio principale dell’hotel presenta una moderna area conferenze progettata per convegni, riunioni ed eventi, che può ospitare fino a 400 persone.

L’Hotel Steigenberger Alcazar offre anche strutture speciali per i più piccoli: il divertimento e le numerosissime attività fornite dal team di animazione, il miniclub e le piscine private non li faranno mai annoiare.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending