Connect with us

Fashion News

Milano Fashion Week Fashion Vibes Runway Show 3° edizione

DailyMood.it

Published

on

Si spengono le luci sulla terza edizione di un evento nuovo ed esclusivo, terminato con un “caviar cocktail party” bagnato dallo spumante con foglie d’oro, in una location illuminata da flash rosa, dove Juliia Palchykova creatrice e organizzatrice del progetto, ha diretto con grande maestria la sua lezione di stile, mixando con intelligenza e glamour i 7 brand coinvolti, con storie, immagini e forme diverse, creando un momento magico nella location dello spazio espositivo di Via Dell’Aprica, a Milano.

Questo spazio espositivo, è situato nel Municipio 9, da alcuni anni non più “periferia” ma zona cool di Milano, rinnovata e piena di vita, per la presenza del nuovo polo Universitario ristrutturato, della Bovisa, situato a fianco del quartiere Isola, (quello di Corso Como), dove la metro Lilla conduce i tanti assidui della movida milanese, e che si riempie di suoni e musica, concerti rock e metal, dell’Alcatraz, a pochi metri…

ARTE, MODA E COLORE, un connubio perfetto quello creato da Juliia Palchykova, formidabile “cool hunter” russa, da 13 anni in Italia, che conserva con fascino particolare la pronuncia tipica, molto abile e lungimirante, che dona agli eventi che organizza una moderna prospettiva della moda, combinando l’artigianato e l’alta couture, interpretando con gusto le evoluzioni più raffinate, dove avanzano la tecnologia e l’arte, in maniera scintillante, poliedrica, magnetica e creativa.

Una consapevolezza della svolta epocale che sta trasformando tutto, percepita anche dalla scelta della location, è evidente nel lavoro della creatrice dell’evento, per cui la moda che viene dall’Europa e dall’Est più evoluto, contamina l’arte, le tecniche e i progetti nuovi. Le “esasperazioni” che a volte hanno del futuristico, sfidano il tempo, e i 7 brand che sfilano su una passerella black, diventano i nuovi protagonisti dove, a dettare legge, è sempre la creatività.

BY VEL

Con la colonna sonora molto accattivante, scelta ad hoc per ogni brand, si vive un incanto, in diretta, partendo dalla nostalgia dell’infanzia, con 30 bimbe arrivate da Mosca vestite da BY VEL, per non dimenticare la fase più bella e fiabesca della nostra infanzia, e, si va avanti, con accenni classici ed eleganti di RASENA, azienda che produce la sua splendida linea nei suoi stabilimenti a Mosca, proseguendo con la celebrazione del made in Italy di una “clochard di lusso” un po’ hippie, come HANNA MOORE MILANO, gestita dal titolare Gianfranco Unione, attentissimo nel regalare spazio all’innovazione e alla bellezza, anche con il mood “naturale” delle modelle (tante Miss, titolate a livello internazionale), con il supporto di Luciano Carino art director e media partner HM makeup Italy.

Un flash di stile ci coglie con VALIOSA, della designer Svetlana Pereyaslavtseva, per una produzione classica e perfetta eseguita a Mosca, l’immagine del nostro mare svetta sul beachwear couture di MOMMYDOLLS che porta sulla passerella la coppia/novità di mamma/figlia, elegantissime e solari, che vestono con lo sesso outfit, regalando tenerezza e piacevole spettacolo al pubblico.

Il brand che offre la magia dei colori e una nuova fragranza di profumo è GRACE, by GRAZIA DI MICELI e, infine, l’attenzione è ancora viva e diventa un bolero di emozioni, con la creatività di SARA ONSI,  che sfila con il luxury couture dal sapore egiziano e luminoso, che chiude con abiti da sera e abiti di sposa, che fanno sognare…

L’appuntamento è per settembre, per la 4° edizione del RunWay Show Fashion Vibes della MFW, un progetto e una scelta intelligente di Juliia Palchykova, che propone il giusto orientamento di un piccolo manipolo di stilisti, professionali, preparati e geniali, che definiscono una femminilità fatta di sottile glamour, enfatizzato dai tagli sapienti e particolari, fatti di stile, rigore, con dettagli che conducono a una sartorialità lussuosa e semplice allo stesso tempo…

Fashion Vibes
YuliiaPalchykova
www.fashion-vibes.com

press: Cristina Vannuzzi

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dodici + 8 =

Fashion News

K-Way x THE Marc Jacobs per la Primavera/Estate 2020

DailyMood.it

Published

on

Torna l’esclusiva collaborazione tra K-Way e THE Marc Jacobs nei negozi The Marc Jacobs, online e presso i migliori rivenditori indipendenti in tutto il mondo.

K-Way e Marc Jacobs hanno una storia comune di vecchia data, la loro ultima collaborazione risale infatti a nove anni fa. Sotto la direzione creativa di THE Marc Jacobs, i marchi si sono uniti ancora una volta per esplorare “La Giacca a Vento“. La collezione ha rivisitato l’iconica giacca K-Way Le Vrai Eiffel 3.0 e la tuta Pierrick con la stampa hero SS20 di THE Marc Jacobs, fondendo gli aspetti classici e funzionali di K-Way con la giocosità di THE Marc Jacobs.

Lanciata nel maggio 2019, THE Marc Jacobs è stata concepita per mantenere il concetto di brand unico della maison e integrare la collezione runway anziché dividerla. Per la primavera 2020, il marchio desiderava esplorare “La Giacca a Vento” e ha deciso di unirsi ancora una volta con K-Way proponendo in chiave contemporanea e psicadelica una stampa floreale paisley, immaginata in una tavolozza pastello di rosa, giallo, arancione, verde, blu e viola e declinata sulle originali silhouette K-Way.

K-Way, nasce a Parigi in una giornata piovosa nel 1965 e si distingue da subito come capospalla elegante e versatile “en cas de pluie”, da cui deriva l’attuale nome del marchio. K- Way è diventato celebre come la giacca impermeabile per eccellenza: classica, moderna, tecnologica, funzionale e colorata. Le collezioni comprendono le giacche storiche con zip termosaldata, che possono essere ripiegate in una piccola tasca e realizzate con materiali impermeabili, antivento, caldi e traspiranti, nonché abbigliamento e accessori alla moda, che presentano le stesse caratteristiche di praticità e funzionalità.

La collaborazione unisex è ora disponibile online e nei negozi Marc Jacobs, nonché in selezionate boutique Worldwide. THE Marc Jacobs x K-Way ha un prezzo al pubblico pari a 500 euro, mentre la tuta è in vendita a 770 euro.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Fashion News

Camicia…. Mon Amour!

DailyMood.it

Published

on

I dieci, cento usi della camicia, quando le ultime fiere del fashion l’hanno definita il “pezzo di tendenza” del prossimo autunno, sobria, elegante, minimale, morbida, over, chic….sono mille gli aggettivi che si sono spesi per le creazioni dei designer più famosi, per collocare la semplice camicia da uomo nel guardaroba 2020 come must have, il capo di cui non si può fare a meno.

Capi speciali, come quelli disegnati da Indra Kaffemanaite stilista di Balossa, destinati a durare nel tempo, come un flash di luce che rompe l’inverno, una pennellata di bianco che si trasforma fino al grigio su un indumento non più banale, la camicia di un uomo.

Una presentazione poetica e appassionata per un comfort di lusso di un brand che calza un paradigma di una immagine che riesce ad essere una eccellenza perché splendidamente di nicchia…..ed è solo una camicia……..dove la sobrietà si coniuga allo stile, impunture, pinces e taglio vivo ne esaltano il glamour, lasciano il ruolo di accessorio di un outfit e diventano blazer importanti, disegnano silhouette più accostate al corpo con cinture/laccio, immagini che fioriscono come calle, immacolate e severe, per poi sbocciare in una camicia di seta ornata da un tenero mega fiocco rosa, che accarezza il  volto.

Ma anche effetti bomber, semplici strisce ne fanno un capospalla e si capisce che Indra Kaffemanaite, per raccontare il suo progetto Balossa, esprime passione e amore che va dal semplice disegno alla ribattitura della fodera del capo finito, dove si indovina una raffinatezza che va oltre la semplice camicia bianca, rubata dal guardaroba maschile, che ne fa un capo chic ma estremamente facile.

Geometrie improvvise e volumi over sono contrapposti a capi che hanno un fit più aderente, con pieghe e orli raddoppiati per aperture inedite per mostrare il candore del collo, le nuances dei bianchi dalle mille gradazioni che vengono esaltati dall’accostamento con il grigio per un guardaroba costruito con fantasia, senza confini, che spazia da camicie che diventano capispalla e viceversa, cravatte come inediti gioielli di tessuto, gilet raddoppiati a segnare il pantalone, un collo che si apre  diventando un cappuccio su pantaloni in stile garconne, gonne a ruota leggere come aria, una white shirt che rispecchia non solo il contenuto dei materiali ma soprattutto il valore dell’originalità, dell’esclusivo, del non ripetitivo, dell’asimmetrico perfetto, dove maschile e femminile si incontrano e si scontrano, per lunghezze e contrasti, forme e proporzioni, armonizzando l’imprevisto con eleganza.

Ma anche l’over kimono, il capo versatile dell’autunno vagamente seventy, che diventa nelle mani di Indra Kaffemanaite la voce innovativa di un capo considerato banale, di routine giornaliera, la stilista ha dunque il dono di interpretare in maniera couture lo street style di una semplice camicia rendendola modernissima, chic, sobria, di grande gusto.

Crediti Clothing Balossa FW 2020/2021

Styling Indra Kaffamanaite

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Fashion News

La moda solidale ai tempi del Covid-19

Polici Francesca

Published

on

Nel mondo della moda è gara di solidarietà. Da quando il Coronavirus ha paralizzato le nostre vite, il mondo del fashion ha annullato tutti gli eventi e le sfilate in programma ma non si è fermato. Anzi. A dare il via a questa straordinaria campagna solidale è stato in primis il mondo del beauty, con i grandi colossi Lvmh, Davines e Menarini che si sono dati alla produzione di gel disinfettanti.

A fargli eco i giganti della moda che hanno deciso di investire nelle mascherine, di cui c’è sempre enorme bisogno. Il gruppo Miroglio (Oltre; Motivi) che è stato tra i primi a rispondere all’emergenza sanitaria, per esempio, si è dedicato alla fabbricazione di mascherine in cotone riutilizzabili fino a dieci volte.

Stessa cosa per BC Boncar, che si è reinventato come produttore di mascherine.

Miroglio, Zara ed Ermanno Scervino invece hanno convertito gran parte della propria produzione direttamente in mascherine chirurgiche.

Ma l’elenco è straordinariamente lungo. Da Armani a Manila Grace, da Ermanno Scervino a Zara, da Elisabetta Franchi a Prada, solo per citarne qualcuno.

Giorgio Armani, che già alla Fashion Week di Milano aveva deciso di sfilare a porte chiuse, è stato uno dei pionieri delle donazioni, devolvendo 1 milione e 250mila euro agli ospedali Luigi Sacco, San Raffaele e Istituto dei Tumori di Milano, allo Spallanzani di Roma e alla protezione civile.

Anche il gruppo francese Kering (Alexander McQueen; Balenciaga; Saint Laurent; Gucci; Brioni; Pomellato; Kering Eyewear; Bottega Veneta) ha devoluto 2 milioni di euro alle strutture sanitarie site nelle località in cui i suoi marchi sono presenti (Lombardia, Veneto, Lazio e Toscana).

Donatella Versace, invece, ha donato 200.000 mila euro alla terapia intensiva dell’ospedale San Raffaele di Milano, già da tempo al collasso. Mentre l’amministratore delegato di Gucci Marco Bizzarri ha devoluto 100.000 euro all’Ausl-Irccs di Reggio Emilia, un’altra delle zone italiane maggiormente colpite.

E ancora Benetton che, attraverso una holding, ha fatto una donazione di 3 milioni di euro agli ospedali Ca’ Foncello di Treviso, Luigi Sacco di Milano, Spallanzani e Policlinico Gemelli di Roma.

Prada, invece, ha donato due intere postazioni di terapia intensiva e rianimazione agli ospedali milanesi Buzzi, Sacco e San Raffaele di Milano.

Bulgari ha donato allo Spallanzani di Roma un sofisticatissimo sistema di acquisizione di immagini microscopiche, necessario alla prevenzione e alla cura del virus.

Non ci scordiamo poi dei Ferragnez. La coppia Chiara Ferragni e Fedez, infatti, hanno lanciato sul web una campagna di raccolta fondi, grazie alla quale hanno raccolto ben 4 milioni di euro, devoluti interamente all’ospedale San Raffaele di Milano per la costruzione di un nuovo reparto di terapia intensiva.

Ma ogni giorno la lista dei designers e dei brand che si aggiungono ai nomi del fashion system che si mobilita per la più grande emergenza sanitaria dai tempi del secondo dopoguerra si allunga sempre di più.

D’altronde, l’unione fa la forza. #andràtutobene

di Francesca Polici per DailyMood.it

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending