Connect with us

Eventi

Milano fashion week, fai spazio: la rivoluzione arriva su due ruote

DailyMood.it

Published

on

Arriva a #milano il format che ha conquistato Roma e New York in un twist di colori vitaminici e outfit di pret-a porter: Modelle & Rotelle rifiuta i limiti della bellezza mainstream attraverso una sfilata dal sapore rivoluzionario, con un occhio attento alla ricerca scientifica.
All’interno dell’UniCredit Pavilion di Piazza Gae Aulenti una sfilata senza precedenti si prepara a cancellare alcuni falsi miti del fashion system. Modelle & Rotelle dice sì alla moda, sì al make-up ma basta ad un concetto di bellezza troppo scontato che si rifiuta di prendere in considerazione chi ha una falcata sotto il metro: la bellezza è bellezza, in tutte le sue forme e prescinde dagli stereotipi. E allora a risplendere sotto i riflettori non sono solo ragazze dalla camminata seducente, ma modelle a rotelle pronte a conquistare tutto ciò che la vita ha da offrire. In un mondo in cui la rappresentazione della disabilità a livello di cultura popolare avviene per la maggior parte attraverso film come il recente blockbuster “Io prima di Te” o Million Dollar Baby, dove la paralisi è vista sempre e solo nelle sue implicazioni negative, in un ritratto noiosamente pessimistico, c’è bisogno di un nuovo messaggio. “Modelle & Rotelle” è qui per darlo. La sua passerella prende l’ipocrisia e la lancia dalla finestra, mettendo fianco a fianco modelle diverse ed evidenziando la bellezza devastante che le lega e il desiderio di godersela giorno per giorno, giocando con nuance e texture per trovare il mix più adatto a sottolineare la propria unica femminilità. Tra selfie, sorrisi e abiti da sogno, donati per l’occasione da personalità d’eccezione della moda Italiana e internazionale, la parola d’ordine è divertirsi. Soprattutto a due ruote. Del resto, Modelle & Rotelle è una festa che celebra la voglia di fare, di vivere, in barba alle difficoltà: in questo contesto anche la sedia a rotelle si trasforma diventando uno splendido oggetto di design al pari di un vestito d’haute couture, uno strumento irriverente per raccontare qualcosa di sé. Come? Grazie alla flessibilità che permette di modulare alcune caratteristiche della carrozzina alla personalità di chi la occupa: FIXED, disegnata da Danilo Ragona e realizzata da Able to Enjoy, è superleggera, incredibilmente innovativa, ed assolutamente fashion. Per tutti questi motivi il progetto è sostenuto con forza dal Comune di #milano, della Regione Lombardia e della Camera della Moda Italiana, e in particolare per la sua irriverenza che spinge al cambiamento. A partire dalla ricerca: i proventi della serata saranno devoluti ai laboratori degli ospedali Niguarda Ca’ Granda e San Paolo Hospital dove saranno utilizzati per sostenere la ricerca nel campo della rigenerazione dei danni al midollo spinale attraverso le nanotecnologie e l’utilizzo di cellule staminali. La validità del progetto, del resto, è già conclamata. Prima di sbarcare a #milano, Modelle & Rotelle ha conquistato le passerelle di Roma e New York e nel 2012 ha meritato l’attenzione del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano portandolo a insignire Fabrizio Bartoccioni, ideatore del format e presidente di #fondazionevertical, della Medaglia di Rappresentanza per “il valore sociale dell’evento” nell’ambito delle iniziative e dei progetti considerati meritevoli riguardo i rapporti con la società civile. Una società civile che, però, deve ampliare le sue prospettive: ecco, in sintesi, il vero obiettivo di questo progetto. Le donne che calcheranno la passerella dell’UniCredit Pavilion hanno avuto un grosso “contrattempo” da gestire ed accettare, ma questo non le ha cambiate nello spirito: sono giovani, sono belle e amano le cose belle. La falsa retorica del buonismo e del dramma appartiene a qualcun altro: loro vogliono solo spaccare.

Crediti Fotografici:
©Massimo Alberto Fersini
©Ivan Natilla

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

18 − tre =

Eventi

SPRING BREAK -A group exhibition of paintings and sculptures

DailyMood.it

Published

on

On the occasion of its third anniversary, Custot Gallery Dubai is delighted to present Spring Break, a group exhibition of paintings and sculptures by the international modern and contemporary artists Etel Adnan, Ron Arad, Fernando Botero, Ian Davenport, Barry Flanagan, Richard Höglund, Fernand Léger, Umberto Mariani, Joan Miró, Jedd Novatt, Marc Quinn, Pablo Reinoso, Hervé van der Straeten, Sophia Vari, Bernar Venet and Fabienne Verdier.

Highlights of the show include some works by Marc Quinn, the most prominent figures of the Young British Artists group, who makes art about what it is to be a person living in the world. His work The Eye of History (Polar Perspective) Red, 2012 comments on the paranoid world we live in, and the notion of 24-hour news where the whole world is connected through ever-present media, syncopating with notions of our eroding and changing geographical world. The painting presents the image of the world from a Polar perspective. Also, on view, three bronze sculptures from The Nurseries of El Dorado series. These works place together botanical elements which would never be found together in nature to transport the viewer into a mythical world.

Also, on view Black Sand, 2018 by the renowned Argentinian sculptor Pablo Reinoso. This work is the first black painted steel bench from the Spaghetti Bench series. First conceived in 2006 in wood, this series made Pablo Reinoso’s name and was the starting point for many of his signature sculptures. Drawing from the public bench with slats, Reinoso re-appropriates this anonymous design. The artist gives the bench a dynamic, a unique extension and opens up a field of possibilities by bringing it to life, rising up beyond the seat. In his sculptures, the artist evokes the concepts that transcend the boundaries of the object and exceed the life of them, stimulating the public bench’s role place of meeting and conversation.

The exhibition presents Ascèse, 2015, a masterpiece by the French artist Fabienne Verdier. This circular composition explores the relationship between negative and positive space. For the artist, the circle, the most elementary of forms is a symbol of the center of the cosmos. While Verdier stands in the middle of the canvas with her brush, she uses herself as a sort of compass and with a 360-degree rotating movement, she sets the mark of the circle around herself into the space of her canvas.

The exhibition Spring Break opens on Monday 18 March from 6 to 9 pm.

SPRING BREAK
18 March – 30 May 2019
Opening reception : Monday 18 March, 6-9pm

 

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Eventi

Partorire se stessi attraverso amori surrogati: l’amore ideale secondo Fondazione Prada

T. Chiochia Cristina

Published

on

Ci sono momenti nella vita di ciascuno, dove avviene un vero e proprio parto di se stessi. Una sorta di “risveglio” che anima nel torpore. Dove l’amore si confonde in mille tinte differenti. Ed anche l’amor proprio diventa quasi un surrogato delle proprie emozioni. Parto di se stessi come adulti, parto di una nuova vita come amori surrogati, parto di un cambiamento profondo come testimonianza di amori ideali. Fondazione Prada ha deciso di dare voce a tutto questo ed ospitare, presso il suo Osservatorio, la mostra: “Surrogati. Un amore ideale”, a cura di Melissa Harris.
Una mostra ideale anche nella esposizione, semplice e platonicamente accattivante, che sarà possibile visitare fino al 22 luglio 2019 all’Osservatorio di Fondazione Prada in Galleria Vittorio Emanuele II a Milano, appunto.
Partorire se stessi si diceva,desiderare oggetti surrogati al posto di amori veri e bambini veri; attraverso 42 opere fotografiche di Jamie Diamond (Brooklyn, USA, 1983) ed Elena Dorfman (Boston, USA, 1965). Stili e modi fotografici a confronto ma dove il progetto esplora i concetti più universali di sempre quello di amore familiare, romantico ed erotico: ma reso artificiale dall’oggetto stesso dell’amore.
La tensione quindi, ed il legame “emozionale” , tra un uomo o una donna per esempio, diventa una “rappresentazione artificiale dell’essere umano” come apppunto recita il comunicato stampa.
L’inquadratura semplice, l’immagine mai volutamente scomposta, gli sguardi che si rincorrono tra oggetto e soggetto vivente, diventano quasi il feticcio di questo rapporto a tratti semplice, idilliaco, spesso morboso ed ossesivo.
Concludendo Diamond e Dorfmanhanno ritratto i surrogati come creature desiderate e idealizzate, oggetti-feticcio dotati di una “vita propria” condivisa con madri o partner in carne e ossa, e a volte con i loro parenti più stretti”. Come spiega Melissa Harris, “rappresentando scene convenzionali di vita domestica, amore e/o erotismo, le fotografie di Dorfman e Diamond trasmettono un pathos inatteso”.
Da visitare.

di Cristina T. Chiochia per DailyMood.it

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Eventi

PHOTOLOGY AIR Il nuovo parco per l’arte contemporanea in Sicilia

DailyMood.it

Published

on

Mercoledì 3 aprile dalle 17 alle 20 la Fondazione Gian Paolo Barbieri ha il piacere di ospitare l’anteprima nazionale del progetto Photology AIR 2019-2020, che inaugurerà venerdì 21 giugno presso il nuovo parco per l’arte contemporanea aperto nel 2018 all’interno dei trenta ettari della splendida Tenuta Busulmone, a Noto, nel territorio siciliano di sud-est, dove Photology dal 2012 ha intrapreso un’intensa attività di diffusione delle arti fotografiche.

I visitatori potranno conoscere il progetto nel suo complesso, ma avranno anche la possibilità di vedere in anteprima assoluta quattro delle 30 opere fotografiche del progettoProfondo Blu” di Gian Paolo Barbieri che saranno esposte nel corso della stagione 2020 nella sezione Art Trail di Photology AIR: un doveroso omaggio al lavoro del fotografo milanese, che a partire dagli anni Ottanta ha viaggiato in alcuni dei luoghi più esotici e affascinanti del nostro pianeta collezionando ritratti inediti di un’umanità e di una natura intatta, frammenti di memoria destinati a perdersi per sempre, attimi sottratti a un processo di metamorfosi e devastazione inarrestabile.
(Le opere fotografiche esposte alla Fondazione Gian Paolo Barbieri saranno visitabili sino al 7 aprile previo prenotazione inviando una mail a: info@fondazionegpb.it)

All’anteprima nazionale di Photology AIR 2019-2020 saranno presenti, oltre a Davide Faccioli, fondatore di Photology, e a Gian Paolo Barbieri:

Francesca Gaglione, che presenterà il suo progetto di Catalogazione Fotografica permanente “Planta Manent”, realizzato in collaborazione con il botanico Paolo Uccello e nato con l’obiettivo di preservare, attraverso un lavoro di ricerca, gli endemismi puntiformi caratteristici dell’area circostante Tenuta Busulmone;

Angelo Candiano, l’artista siciliano che sarà presente nella nuova sezione “Belvedere Collectors” con l’opera Mutante (Punctum);

Emilio Fantin, che introdurrà le performances Esperienze sull’Impercepibile, programmata in occasione dell’apertura di Photology AIR 2019 il 21 Giugno 2019 e l’imminente Trekking19, che avrà luogo domenica 7 aprile a Milano in occasione di MiArt. Emilio Fantin prenderà inoltre parte anche a Photology AIR 2020 con un’installazione pensata per la mostra “The secret life of plants”;

Giada Barbieri, che per l’occasione svelerà una delle inedite installazioni di design naturalistico che saranno protagoniste nella sezione Exhibition 2020 “The secret life of Plants”.

La scelta curatoriale per Photology AIR 2019/2020 si è indirizzata verso un tema sempre più attuale, la “coscienza ambientale”, e il titolo “PRESERVACTION” ne è diventato il manifesto: le attività che verranno presentate nel 2019 avranno come titolo “PRELUDE TO PRESERVACTION”, mentre quelle nel 2020 quello di “PRESERVACTION NOW!”.

Photology AIR 2019-2020 ospiterà cinque progetti naturalistico-fotografici allestiti negli spazi restaurati en plein air di un convento ottocentesco e lungo i tanti percorsi naturali all’interno della Tenuta Busulmone, e coinvolgerà in tutto quattordici artisti nazionali e internazionali: Gianfranco Gorgoni, Gian Paolo Barbieri, Angelo Candiano, Mario Giacomelli, Jack Pierson, Giada Barbieri, Massimo Bartolini, Mario Cresci, Juan Pedro Fabro, Emilio Fantin, Fiamma Montezemolo, Irina Raffo, Luca Vitone, Francesca Gaglione.

Inoltre, Photology AIR 2019-2020 prevede anche un progetto per i più giovani realizzato in collaborazione con il Comune di Noto e Legambiente dal titolo “Educational Project: Kids in Action”.
Il progetto ha come obiettivo quello di sensibilizzare ed educare le giovani generazioni alla tutela dell’ambiente attraverso iniziative specifiche, che permetterà loro di utilizzare i materiali raccolti come elementi per laboratori artistici, seguendo le orme di artisti affermati come Damien Hirst, KCHO, Micheal Fliri.

In occasione della presentazione alla Fondazione Gian Paolo Barbieri il pubblico potrà degustare uno dei nuovi vini della Tenuta di Tavignano nelle Marche, il “Pestifero”: vino frizzante, nasce da uve Verdicchio, Malvasia, Sangiovese seguendo un metodo ancestrale, imbottigliato poco prima della fine della fermentazione, non filtrato e non sboccato.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending