Connect with us

Style & Luxury

Per il gentlemen del XXI secolo

Published

on

Uno spazio interamente dedicato all’abbigliamento e agli accessori uomo, pensato per i cultori dei piccoli dettagli, per i gentlemen del XXI secolo. Un ambiente che ricorda le antiche scatole orientali laccate e, come esse, si dischiude per svelare tutte le meraviglie custodite al suo interno: le pareti decorate con ideogrammi giapponesi fanno da cornice alla linea disegnata da Chichi Meroni. Dalle camicie sartoriali e pantaloni realizzati nei tessuti più pregiati, ai pullover in cachemire dalle linee classiche e dal gusto rétro, alle giacche casual in maglia e suede, impeccabili, alla Cary Grant, icone di stile, anche di quello informale.

La maglieria è una vera e propria opera d’arte: lo spirito vintage, anima de L’Arabesque, è qui declinato nell’utilizzo di punti e lavorazioni d’altri tempi utilizzati con un occhio di riguardo alle suggestioni più attuali, per un guardaroba che affonda le sue radici in una matrice di stampo british, nel rispetto della tradizione e dello stile gentleman contemporaneo; classico sì, ma con un twist. Un’attenzione particolare è dedicata agli oggetti del desiderio maschile: dalle cravatte vintage di Hèrmes ai gemelli in argento smaltato, dai libri introvabili alle scarpe inglesi in pellami pregiati. Non manca l’angolo dedicato ai profumi: fragranze intramontabili, “eterne”, sempre perfette in ogni epoca e in ogni occasione, destinate a diventare la firma inconfondibile dello stile e della personalità maschile.

http://www.larabesque.net/

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

MFW Men FW 2021/2022

MFW – Prada Uomo Autunno/Inverno 2021 Possible Feelings

Published

on

La collezione Prada Uomo Autunno/Inverno 2021 di Miuccia Prada e Raf Simons nasce da un desiderio intimo e personale di contatto, dal nostro bisogno di scambio e relazione. Alla base di tutto c’è l’individuo, con il suo corpo e la sua libertà.

Il bisogno di sensazioni e il piacere della tattilità si traducono in una panoplia di texture e di tessuti. La maglieria in tessuto jacquard a motivi geometrici e i pellami si uniscono al re-nylon, al tweed bouclé e ai classici gessati in lana in colori a volte tradizionali, a volte inaspettati, riprendendo il concetto di stimolazione sensoriale. L’interazione è proiettata verso l’esterno, verso la sequenza di ambienti che i modelli percorrono durante la sfilata. Ogni stanza risveglia i sensi, grazie ai fondali dalle tinte brillanti e all’originale colonna sonora elettronica di Plastikman, nome d’arte di Richie Hawtin, che sottolinea l’incedere solitario dei modelli. I “non-spazi” della sfilata, ideati da Rem Koolhaas e AMO, sono definiti da pannelli di marmo, resina, gesso e “faux fur”. Invitanti e seducenti, si possono intendere al contempo come interni ed esterni, duri e morbidi, caldi e freddi: racchiudendo entrambe e nessuna di queste caratteristiche, permettono un’assoluta libertà di interpretazione ed espressione.

Questa dualità si riflette anche nella rappresentazione del corpo attraverso abiti ridotti e dalla struttura minimalista. La conclusione logica è un ritorno alla fisicità: i “long johns” in maglia jacquard creano una “seconda pelle” fluida, che delinea la figura in movimento dinamico. L’astrazione dei sensi diventa astrazione della libertà. Questi capi paradossalmente svelano e al tempo stesso nascondono il corpo, ponendo l’accento sulla fisicità, ma anche sulla forma. Alcuni sono proposti da soli, altri compongono outfit con abiti e outerwear, ed esprimono un senso sia di protezione che di esposizione, con sfumature simultanee di ingenuità e consapevolezza, intimità e distacco, giovinezza e maturità. In quest’ultimo aspetto riflettono il passare del tempo, della vita.

Al contrario, l’enfasi sul corpo attraverso un processo di semplificazione si traduce in silhouette che si allontanano dall’inquadratura, una riduzione della forma nel capo indossato. I cappotti monopetto e doppiopetto si sviluppano su linee rette, mentre i bomber sono di dimensioni generose. Realizzati in pelle e bouclé e foderati in tessuti jacquard geometrici, i capi sono sensuali e disegnano una topografia di sensazioni che può comprendere solo chi li indossa. I colori e i motivi eccitano lo sguardo, le superfici seducono il tatto.

Questo slideshow richiede JavaScript.

UNA NOTA SUL SET
Con il proposito di riutilizzare gli allestimenti delle sfilate del Gruppo Prada, i materiali impiegati sul set della sfilata Prada Uomo Autunno/Inverno 2021 verranno riciclati e dopo l’evento troveranno una nuova vita in installazioni speciali per i prodotti e pop-up in tutto il mondo. Infine, questi materiali saranno donati a Meta, un progetto di economia circolare con sede a Milano, che propone soluzioni sostenibili per lo smaltimento dei rifiuti prodotti da eventi temporanei, attraverso la raccolta e il recupero dei materiali per la vendita e il noleggio. Meta lavora in collaborazione con La Réserve des arts, un’associazione che offre un servizio di raccolta e recupero delle materie prime e degli scarti decorativi delle sfilate di moda, mettendoli a disposizione di professionisti e studenti del settore culturale.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

MFW Men FW 2021/2022

MFW – A PERSONAL NOTE 73 torna sulle passerelle della Milan Fashion Week

Published

on

A PERSONAL NOTE 73 torna sulle passerelle della Milan Fashion Week per presentare VIRTUAL-REALITY.TV il fashion film che racconta la collezione AW 21.

La collezione COED Autunno/Inverno ’21 di A PERSONAL NOTE 73 è stata presentata all’interno del calendario ufficiale delle sfilate della settimana Moda Uomo di Milano. Il 17 gennaio alle 11:00 CET, VIRTUAL-REALITY.TV, il fashion filmato realizzato per l’evento, sarà trasmesso sulla piattaforma di CNMI (milanofashionweek.cameramoda.it).

Per la seconda stagione, APN73, acronimo di A PERSONAL NOTE 73, il marchio cinese nato nel 2019 dalla partnership tra il direttore creativo italiano Andrea Pompilio e la multinazionale JNBY che ha debuttato nel calendario milanese nel luglio 2020 in occasione della Milan Digital Fashion Week, presenterà una collezione COED all’ interno  di Milano Moda Uomo. Il marchio si unirà ancora una volta al palinsesto digitale di Milano, creato da CNMI in risposta ai vincoli imposti ad eventi fisici.

Sono molto lieto di tornare con APN73 a Milano, la città a cui sono più vicino e il cui calendario menswear riflette al meglio la mia visione estetica“.

L’ispirazione per APN73 AW21 nasce dai film italiani diretti da Bernardo Bertolucci, uno dei più iconici talenti e visionari creativi italiani. “Abbiamo fatto riferimento ai fotogrammi più iconici dei suoi film e li abbiamo combinati con immagini dei dipinti di Francis Bacon, il cui lavoro è stato una potente fonte di ispirazione per lo stesso Bertolucci” secondo le parole di Pompilio “La fusione e il contrasto tra queste personalità influenti ha rappresentato la fase iniziale del processo creativo per la nuova collezione”.

La collezione AW21 di APN73 è presentata attraverso il fashion movie VIRTUALREALITY. TV, che, ambientato a Hangzhou, è stato girato in gran parte nella nuova sede della JNBY, appena inaugurata e progettata dall’architetto italiano Renzo Piano. “Mentre realizzavamo il fashion movie, abbiamo pensato di tradurre l’ispirazione “classica”  di AW21 in un fashion film dal sapore contemporaneo, che dipinge la vita reale trapiantata in un ambito virtuale“.

Profondamente radicata nella cultura degli anni ’60, la collezione APN73 AW21 è caratterizzata da volumi oversize. La palette di colori combina toni audaci come giallo brillante, arancione, verde acceso e blu elettrico accostati a shade naturali come cammello, cioccolato, caffè e grigio, che sono applicati a morbidi tessuti invernali, come la lana, e coordinati con motivi check e stripe, da sempre distintivi di Pompilio.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

MFW Men FW 2021/2022

MFW – Ermenegildo Zegna, The (RE)SET (RE)TAILORING the modern man. Inverno 2021

Published

on

Il tessuto della vita dell’uomo si intreccia con il suo spirito di adattamento. Egli progredisce grazie alla capacità di evolvere, di spingersi oltre, quando necessario, e di ripartire da capo in modo diverso, con una nuova mentalità, mantenendo un ricordo con la consapevolezza di migliorare. Questo è uno di quei momenti: un salto in avanti, eliminando le barriere, le separazioni e le distinzioni.

Definire nuove categorie e riflettere sull’incessante evoluzione dei tempi, ha caratterizzato, sin dal primo giorno, il percorso compiuto dal Direttore Artistico Alessandro Sartori nel mondo Zegna: discostarsi dalla formalità più assoluta, ma non da una sartorialità riflessiva, per scrivere una nuova grammatica dello stile.

Il (RE)SET appena iniziato crea un movimento fluido che fonde pubblico e privato e i relativi spazi, sia all’interno che all’esterno, in cui relax, vita privata e lavoro collidono, spesso in un’unica attività e in una estetica univoca. Da Zegna questo mondo senza soluzione di continuità prende sempre più forma e emergono nuove possibilità che ridefiniscono lo stile dell’uomo moderno.

“Stiamo tutti vivendo una realtà diversa caratterizzata da nuove esigenze che ci portano verso una forma mai vista prima in termini di stili di vita e attitudini. È esattamente in un momento come questo, in cui tutto viene messo in discussione, che noi di Zegna abbiamo deciso di fare un (RE)SET e guardare alle origini per reinterpretare i nostri codici stilistici al fine di riconcepire lo stile dell’uomo contemporaneo. Il nostro pubblico e privato si fondono e danno vita ad un nuovo modo di vestire, in cui comfort e stile si integrano per creare una nuova estetica”, dice Alessandro Sartori.

La collezione segue un passo continuo. Una nuova e variegata generazione di tessuti in jersey prende il centro della scena nel guardaroba maschile di Zegna. Le forme sono fluide, confortevoli e versatili. In perfetta armonia con uno stile di vita che fonde indoor e outdoor, i codici dell’abbigliamento da casa – i colli a scialle, la generosità di una robe de chambre con cintura, la disinvoltura dei track pants e la comodità delle pantofole in jersey cucite a mano – ridisegnano il nuovo concetto di formale. Elementi originali assolvono a nuove funzioni in uno scambio di forme, pesi e materiali: le giacche da lavoro in cashmere, annodate come accappatoi, diventano capi sportivi; i completi ibridi sono in cashmere double; le maglie inedite sostituiscono le camicie; i nuovi pullover in cashmere infeltrito sono lavorati a tricot, oppure, realizzati in pelle, vengono indossati come outerwear; i pantaloni e le giacche sono in shearling. Anche le borse, simbolo dell’accessorio da lavoro per l’uomo, sono decostruite.

Confort e personalità sono le parole d’ordine: l’abito reimmaginato, morbido o con taglio vivo, non è un’uniforme, ma un modo per essere se stessi. Può essere duttile e anche realizzato interamente in cashmere tricot o jacquard, ed è indossato con dolcevita ampi o pullover con zip invece che con una camicia. I volumi sono rilassati per le giacche e le giacche-camicia abbinate a pantaloni lunghi, per i soprabiti con cintura, i blouson e i maglioni double front.

La continuità tra interno ed esterno si ritrova ovunque nei capi dove il mindset del progetto #UseTheExisting continua ad essere un imperativo.

Il progresso è sancito da uno schema cromatico che parte con note di bianco stella alpina, beige foglie autunnali, verde felce e arriva al grigio fumo, nero intenso, fango foresta e ad improvvisi accenti di arancione. La generale solidità della palette viene interotta dai giochi di pied de poule volutamente inesatti, dagli jacquard optical e dalle righe diagonali all over.

La collezione è presentata come in un film. Fluidi movimenti della telecamera e passaggi non artefatti dall’interno verso l’esterno, e viceversa, offrono una narrazione visiva ricca di sorprese improvvise e passaggi repentini da una situazione all’altra. Gli scorci di una metropoli e gli interni di un edificio ideale scorrono dolcemente mentre i modelli attraversano stanze, percorsi e ambienti finché il (RE)SET non rivela finalmente il suo metasignificato: in realtà il set è il luogo teatrale dove avvengono le riprese.

La vita segue la fiction mentre la fiction segue la vita, in un infinito (RE)SET.

Crediti
Direzione Artistica, Alessandro Sartori
Produzione Video, 4Friends Film
Musica, Wladimir Schall
Hair and Make-up, Beppe D’Elia per BEAUTICK

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending