Connect with us

Style & Luxury

Inaugurazioni: un’esperienza di bellezza unica attraverso la vite e l’uva tra natura, scienza e glamour nel cuore della Grande Mela

DailyMood.it

Published

on

16 dicembre 2012

A 17 anni dalla fondazione del marchio Caudalie, Mathilde e Bertrand Thomas aprono a New York la prima boutique esprimendo tutta la ricchezza e l’universo dell’azienda.

L’arredo rivisita i codici emblematici della Spa Vinothérapie® Les Sources de Caudalie e dello Château Smith Haut Lafitte attingendo dall’universo personale di Madame Thomas.

La vetrina è un piccolo angolo di natura nel quale le viti accolgono le clienti. Il bianco, il legno e il prugna spiccano sulla facciata esterna e all’interno, i tradizionali quercia e marmo sposano la tecnologia. Illustrazioni di viti decorano i muri.

Numerose foto ripercorrono la storia del marchio e dei suoi fondatori. Il tutto in un’atmosfera dolce creata dalla luce diffusa delle lampade NICHE Modern Binary, simili a grandi grappoli d’uva tagliati.

Al centro della boutique, il bar barrique invita a scoprire e a provare i prodotti, dove Valdet, il Vinoterapeuta Caudalie, esperto dei prodotti e dei trattamenti Spa Caudalie, su appuntamento, offre consulenze personalizzate.

Senza poi dimenticare l’immancabile rituale Caudalie: la degustazione di una Tisane Bio-Drainante o di un succo d’uva bio appena spremuta per dare avvio all’esperienza.

Info: it.caudalie.com

 

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

MFW Donna F/W 2020-21

MFW – Metamodern Woman: Salvatore Ferragamo A/I 2020

DailyMood.it

Published

on

Per l’Autunno/Inverno 2020 Salvatore Ferragamo esplora la sempre diversa e poliedrica personalità femminile: un caleidoscopio di identità, un mix di caratteristiche racchiuse in una sola persona. All’inizio del Ventesimo secolo fu Carl Jung a definire la donna attraverso i sette archetipi femminili, riconosciuti dall’inconscio collettivo. Un secolo dopo questa visione è totalmente cambiata: la fluidità diventa il nuovo modello per l’espressione e la narrazione della propria identità.

Il mondo femminile, così come quello maschile, sono oggi chiamati a un riesame degli archetipi del vestire” afferma Paul Andrew, Direttore Creativo della Maison. “Il vestire definisce il corpo e supera il concetto di abbigliamento, oggi obsoleto sia per l’uomo sia per la donna. Ci siamo ispirati all’intelligenza, al coraggio e al carisma di alcune icone femminili come Virginia Woolf, Nancy Pelosi, Nina Simone e Michelle Obama.

Stampe e foulard dall’archivio storico della Maison vengono rivisitate su tessuti, fodere e ricami: fonte d’ispirazione alcuni libri appartenuti a Fulvia Ferragamo.
Fedele alla filosofia toe-to-head del brand, la collezione parte dalle calzature: una rivisitazione di un sandalo d’archivio con tomaia in listini di pelle, molteplici varianti di Viva (anche nella nuova versione slingback o nello stivale alto in pelle stretch) e un Chelsea boot allacciato con suola alta in gomma. Gli stivali in prezioso sono realizzati con pellami di recupero. Tra le borse, nuove versioni di Trifolio e Studio Bag, una tote con manico arrotolato e borse minimal da giorno in nappa a tintura vegetale. Tracolle in pelle intrecciata a mano. Accessori che riflettono la molteplicità del genere femminile attraverso l’artigianalità della Maison.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tra i mood di collezione:
FORZA – abiti e gonne in maglia metallica, lunghe mantelle, shearling voluminosi, abiti e giacche con sciarpe incorporate e trench con stampe floreali e tasche dalla silhouette scultorea.
LEGGEREZZA – capispalla in cashmere, completi con stampa jungle leaves, gonne con spacco e leggings in cashmere.
CARATTERE – tessuti seersucker, abiti gessati e gonne bustier, camicie formali e knitwear con grandi ricami foliage, tuxedo neri con sciarpe incorporate e scarpe-pantaloni in pelle rossa e shantung nero.
ROMANTICISMO – abito con dettagli in gros-grain, capi in ciniglia e abito in organza velata o in seta blu cielo.
PRAGMATISMO – culottes, maglie e camicie, pantaloni in pelle, piumini leggerissimi con impunture chevron.

Paul Andrew conclude: “gli abiti ci definiscono, ma se scelti con criterio e senza inibizioni, sono uno strumento per sperimentare, evolvere e trasformare, dunque ripensare sé stessi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

MFW Donna F/W 2020-2021

MFW – Philosophy di Lorenzo Serafini A/I 2020

DailyMood.it

Published

on

“Ho riflettuto molto sul valore che diamo agli abiti oggi, su ciò che vuole dire custodirli, riutilizzarli, tramandarli e amarli. Ho preso i capi della collezione e ho iniziato a lavarli, tingerli, decolorarli poi li ho abbelliti di frange, diamanti e fiori per renderli speciali e dare loro unicità in un processo che ha
richiesto molto tempo e dedizione accurata. Ho immaginato chi indosserà questi abiti e come li interpreterà, sperando che possano essere custoditi e amati.
Ho tenuto sempre la poesia alla base di questo mio lavoro perché penso sia un’attitudine dalla quale non mi separerei mai”.
Lorenzo Serafini

La collezione Philosophy di Lorenzo Serafini Autunno/Inverno 2020 prende vita tra i contrasti delle donne e indaga la loro voglia di saper giocare con gli abiti dando loro un carattere attraverso innumerevoli lavorazioni per renderli in grado di custodire il passato e il presente di chi li indossa.
Una collaborazione con Liberty ha permesso di trasformare gli storici tessuti a fiori in una versione completamente inedita e personale, andando a rielaborare i capi con giochi di colore, texture inaspettate e bagliori di luce.
Questa stagione si è aggiunto uno strato fatto di morbide coperte di lana trasformate in maxi cappotti e cappe.

La Location
La sfilata prende vita tra le sale del cinquecentesco Palazzo Spinola sede della Società del Giardino, circolo apolitico tra i più antichi del mondo fondato nel 1783 da un gruppo di cittadini della borghesia meneghina e ancora oggi punto di riferimento sociale e intellettuale della città. Il circolo aveva intenti di svago e ricreazione, assumendo poi nel tempo una sempre maggiore connotazione culturale e istituzionale. Le sale della Società del Giardino hanno ospitato molti protagonisti della storia italiana ed internazionale: re, imperatori, primi ministri, statisti, cardinali, premi Nobel, uomini di scienza, d’arte e di cultura tra cui Stendhal, Balzac, Radetzky e Liszt.
L’incantevole Sala d’Oro, progettata da Gerolamo Arganini e decorata da Giacomo Tazzini, è il salone principale in cui si svolge la sfilata. Un infinito tatami bianco, colore simbolo di Philosophy di Lorenzo Serafini, ricopre il pavimento sul quale poggiano le preziose sedute originali del circolo. Le pareti sono un tripudio di stucchi dorati, bassorilievi e marmi; nel soffitto a cassettoni risplendono quattro lampadari inglesi scampati ai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale che non hanno invece risparmiato la sala, devastata e poi ricostruita com’era.
Le altre stanze che accolgono gli ospiti sono la Galleria, la Sala Specchi e la Sala Giardino affacciata su uno dei cortili segreti più affascinanti della città e dal quale si intravvede la storica Sala d’Armi del circolo, fra le più antiche scuole di scherma d’Italia.
Le diverse sale rappresentano le sfaccettature della donna Philosophy di questa collezione capace di mixare romanticismo, opulenza e forza.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Fashion News

Milano Fashion Week Fashion Vibes Runway Show 3° edizione

DailyMood.it

Published

on

Si spengono le luci sulla terza edizione di un evento nuovo ed esclusivo, terminato con un “caviar cocktail party” bagnato dallo spumante con foglie d’oro, in una location illuminata da flash rosa, dove Juliia Palchykova creatrice e organizzatrice del progetto, ha diretto con grande maestria la sua lezione di stile, mixando con intelligenza e glamour i 7 brand coinvolti, con storie, immagini e forme diverse, creando un momento magico nella location dello spazio espositivo di Via Dell’Aprica, a Milano.

Questo spazio espositivo, è situato nel Municipio 9, da alcuni anni non più “periferia” ma zona cool di Milano, rinnovata e piena di vita, per la presenza del nuovo polo Universitario ristrutturato, della Bovisa, situato a fianco del quartiere Isola, (quello di Corso Como), dove la metro Lilla conduce i tanti assidui della movida milanese, e che si riempie di suoni e musica, concerti rock e metal, dell’Alcatraz, a pochi metri…

ARTE, MODA E COLORE, un connubio perfetto quello creato da Juliia Palchykova, formidabile “cool hunter” russa, da 13 anni in Italia, che conserva con fascino particolare la pronuncia tipica, molto abile e lungimirante, che dona agli eventi che organizza una moderna prospettiva della moda, combinando l’artigianato e l’alta couture, interpretando con gusto le evoluzioni più raffinate, dove avanzano la tecnologia e l’arte, in maniera scintillante, poliedrica, magnetica e creativa.

Una consapevolezza della svolta epocale che sta trasformando tutto, percepita anche dalla scelta della location, è evidente nel lavoro della creatrice dell’evento, per cui la moda che viene dall’Europa e dall’Est più evoluto, contamina l’arte, le tecniche e i progetti nuovi. Le “esasperazioni” che a volte hanno del futuristico, sfidano il tempo, e i 7 brand che sfilano su una passerella black, diventano i nuovi protagonisti dove, a dettare legge, è sempre la creatività.

BY VEL

Con la colonna sonora molto accattivante, scelta ad hoc per ogni brand, si vive un incanto, in diretta, partendo dalla nostalgia dell’infanzia, con 30 bimbe arrivate da Mosca vestite da BY VEL, per non dimenticare la fase più bella e fiabesca della nostra infanzia, e, si va avanti, con accenni classici ed eleganti di RASENA, azienda che produce la sua splendida linea nei suoi stabilimenti a Mosca, proseguendo con la celebrazione del made in Italy di una “clochard di lusso” un po’ hippie, come HANNA MOORE MILANO, gestita dal titolare Gianfranco Unione, attentissimo nel regalare spazio all’innovazione e alla bellezza, anche con il mood “naturale” delle modelle (tante Miss, titolate a livello internazionale), con il supporto di Luciano Carino art director e media partner HM makeup Italy.

Un flash di stile ci coglie con VALIOSA, della designer Svetlana Pereyaslavtseva, per una produzione classica e perfetta eseguita a Mosca, l’immagine del nostro mare svetta sul beachwear couture di MOMMYDOLLS che porta sulla passerella la coppia/novità di mamma/figlia, elegantissime e solari, che vestono con lo sesso outfit, regalando tenerezza e piacevole spettacolo al pubblico.

Il brand che offre la magia dei colori e una nuova fragranza di profumo è GRACE, by GRAZIA DI MICELI e, infine, l’attenzione è ancora viva e diventa un bolero di emozioni, con la creatività di SARA ONSI,  che sfila con il luxury couture dal sapore egiziano e luminoso, che chiude con abiti da sera e abiti di sposa, che fanno sognare…

L’appuntamento è per settembre, per la 4° edizione del RunWay Show Fashion Vibes della MFW, un progetto e una scelta intelligente di Juliia Palchykova, che propone il giusto orientamento di un piccolo manipolo di stilisti, professionali, preparati e geniali, che definiscono una femminilità fatta di sottile glamour, enfatizzato dai tagli sapienti e particolari, fatti di stile, rigore, con dettagli che conducono a una sartorialità lussuosa e semplice allo stesso tempo…

Fashion Vibes
YuliiaPalchykova
www.fashion-vibes.com

press: Cristina Vannuzzi

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending