Autunno – Inverno 2017/2018: ecco come ci vestiremo

0

Da Milano a Parigi, passando per New York. I più grandi designer di moda hanno appena finito di girare il mondo per mostrarci cosa indosseremo il prossimo autunno – inverno. Ormai lo sappiamo bene, ogni stagione ha i suoi revival e le proprie epoche mitiche. Ma i trend che detteranno i gusti e le regole nei mesi freddi sono innumerevoli e spaziano dagli anni ’20 ai ’40, con qualche incursione nel mitico ventennio ’60 – ’70, epoca d’oro dei cosiddetti “figli dei fiori”.

Se in questo caldo periodo dell’anno il duo rosa e rosso hanno sovrastato la scena, nella prossima stagione il rosa verrà spazzato via dall’incontrastabile – e oseremmo dire, elegantissimo – rosso. Total red come Max Mara che sceglie questo colore sia per i pantaloni di velluto che il morbido dolce vita, con tanto di cappotto. Un rosso brillante e incontaminato che non lascia spazio a nessun mix cromatico primaverile.

Dolce&Gabbana

Un altro trend che diventa ancora più glamour è “l’effetto peluche”, molto amato da quasi tutti gli stilisti. A nulla valgono le proteste degli animalisti, Dolce&Gabbana porta in passerella una vera e propria tigre, con tanto di artigli su guanti, scarpe e borsa. Armani, invece, decide di optare per l’ecologico, proponendo una pelliccia colorata verde con lunghe piume che avvolgono il corpo in un abbraccio di morbidezza. Colorata anche la maxi pelliccia di Miu Miu che scende oltre le ginocchia, in versione XL.

Ma le vere coccole per ogni donna sono diamanti, lustrini e paillettes che ci permettono di brillare in ogni occasione. Ed ecco quindi che direttamente dagli anni ’20, arrivano i modelli patinati con frange, piume e paillettes di Rochas che sembrano muoversi al ritmo di swing. Ma a brillare è anche il top monospalla di Saint Laurent, impreziosito da innumerevoli e scintillanti Swarosvski.

Non solo il top ma anche l’abito da sera in velluto di Saint Laurent è in versione one shoulder, un’irresistibile tendenza che resiste anche al freddo. Monospalla, infatti, è anche il magnetico vestito di Atelier Versace nel lungo abito a colonna.

La stessa maison, poi, propone un sofisticatissimo completo giacca e pantalone rosa antico, da portare su altissimi tacchi rigorosamente da almeno 15 cm.

Per un look da giorno più casual, invece, Saint Laurent propone un completo sportivo che si fa portavoce di uno degli slogan più in voga al momento negli States: “Make America New York”. Non solo proteste anti-Trump, ma anche quelle a rivendicazione femminista, come quella di Prabal Gurung che disegna su una semplice t-shirt lo slogan “The future is female”.

Sportivo anche il look di Lacoste che si tinge “old style” nel suo morbido completo di velluto e ciniglia.

Altro grande trend che persiste negli anni è il denim, al cui fascino nessuno resiste, in particolar modo Christian Dior che lo ripropone ancora una volta in passerella, con forme a metà tra il morbido e il geometrico.

Dagli anni ’20 ai ’40 in un batter d’occhio. Ecco allora spuntare spalle sempre più pronunciate e gonne longuette

Christian-Siriano

o lunghissime, il tutto delineato da contorni morbidi e semplici ma allo stesso tempo decisi ed eleganti. Da Christian Siriano (con il suo lungo abito da sera) a Saint Laurent (con la sua giacca di pelle), molti sono gli stilisti che hanno sposato questa tendenza.

La pelle total black, però, è un altro revival, più da anni ’80, che ritroviamo anche nel lungo e dolce cappotto di pelle di Stella McCartney – e non solo.

Torniamo ancora indietro nell’epoca dei fantastici hippy, e respiriamo l’atmosfera di Woodstock con il completo etnico e multicolor proposto da Gucci. E facciamo poi un salto in avanti nel futuro più prossimo, quello che vede il riciclaggio di materiali tecnici, solitamente relegati al solo abbigliamento sportivo, e quelli plastici per un total plastic capace di essere anche chic e trendy, proprio come ci mostra Moschino con il suo tailleur avvolto dal nastro adesivo.

Ma il futuro è anche altro nella moda e quest’anno si tinge d’argento. Silver per Mugler che propone un completo giacca e pantalone che gioca sul contrasto tra i riflessi metallici dell’argento e le spalle pronunciate tipicamente vintage.

C’è chi, invece, per l’inverno preferisce i classici capi morbidi e caldi che rendono meno traumatico il passaggio dal piumone all’aperto, come Michael Kors che sposa questa idea con un completo classico a cui aggiunge eleganti intrecci sulla maglia.

E poi largo alla decostruzione per chi è sempre alla ricerca di abiti complessi e particolari. Come Sacai che toglie e distrugge per poi ricostruire completi che non possono fare a meno di farsi notare per la loro unicità.
Infine, per le notti più romantiche e sexy, le amate trasparenze di Alba Ferretti da indossare con una maschera gold and black, un esplicito omaggio al carnevale veneziano.

di Francesca Polici per DailyMood.it

Share.

About Author

Polici Francesca

Mi accusano di essere logorroica, ed effettivamente ho la parlantina facile. Forse anche per questo amo il cinema francese e ho deciso di intraprendere una strada professionale divisa tra ufficio stampa e giornalismo. Scrivo di moda, turismo, teatro, cinema, televisione e food. Nata a Roma ma di “adozione spagnola” (nonostante l’accento argentino che mi viene spesso rimproverato), ho studiato Storia del cinema senza però mai abbandonare le mie altre passioni. Adoro i dannati di Bukowski, la decadente Marsiglia di Izzo e farmi cullare dai romanzi di Nick Hornby; nonostante creda che “le carrellate siano una questione morale”, penso che Barney Stinson sia il personaggio più geniale che mente umana potesse mai plasmare; non posso fare a meno di esplorare il mondo (basta che, ovunque vada, mi facciano mangiare rigorosamente gluten-free); e guardo con invidia agli anni Sessanta. Se fossi nata in quel decennio, forse, la minigonna l’avrei inventata io e non Mary Quant.

Leave A Reply

diciannove − sette =