Connect with us

Style & Luxury

La boutique delle star approda a Capri

Published

on

A suggello di una precisa strategia volta a presidiare le mete turistiche più esclusive e internazionali d’Italia, de GRISOGONO ha aperto la sua prima boutique monobrand a Capri, in via Vittorio Emanuele 46. L’indirizzo non poteva essere più appropriato per rappresentare al meglio lo spirito del brand, da sempre legato al glamour delle top celebrities. La nuova location si affaccia infatti davanti al maestoso ingresso del Grand Hotel Quisisana, dal 1845 l’hotel a Capri scelto da re, rockstar e poeti. Nei dintorni, la “piazzetta”, intramontabile fulcro dell’animata vita notturna caprese. Fawaz Gruosi, fondatore e direttore artistico di de GRISOGONO, ha personalmente selezionato una proposta di gioielli e orologi calibrata sui gusti degli abituali frequentatori della scena caprese. “L’Italia è il Paese perfetto – spiega Fawaz Gruosi, di madre fiorentina – per valorizzare le nostre creazioni. Mai come a Capri la bellezza può fare da cornice alla bellezza. Le nostre clienti, abituate a viaggiare e a frequentare le più celebri località italiane, potranno finalmente lasciarsi sedurre da gioielli e orologi de Grisogono anche nella meravigliosa ‘isola dell’amore'”.

Aperta insieme a Trucchi, celebre orologeria fondata a Napoli nel 1907 e oggi partner di marchi leggendari, la nuova boutique monobrand consentirà al pubblico italiano e internazionale, target prioritario della maison ginevrina, di scoprire anche a Capri le originali creazioni di Fawaz Gruosi. “Non poteva mancare – aggiunge Giovanni Restivo, CEO della Trucchi Orologerie e Gioiellerie – un brand come de Grisogono a Capri. Penso che il futuro in questo settore sia proprio il monomarca nel quale il cliente avrà la possibilità di immergersi in un mondo esclusivo ed elitario”. La boutique ospiterà alcune esclusive creazioni d’alta gioielleria che a Cannes hanno accompagnato sul red carpet e all’esclusivo party all’Hotel du Cap-Eden Roc le celebrità presenti all’ultima edizione del Festival, tra cui, ad esempio: Natalie Portman, Cara Delevingne, Michelle Rodriguez, Mary J. Blige, Bar Refaeli e Paris Hilton.

Saranno inoltre protagoniste a Capri tre collezioni di assoluto successo :

ALLEGRA – dedicata alla figlia maggiore di Fawaz Gruosi, porterà a Capri la gioia di vivere che anelli, pendenti, orecchini, bracciali e orologi esprimono nel dinamismo di finissime volute intrecciate.

BOULE – tra le collezioni più iconiche di de Grisogono, fin dalla sua creazione nel 1999, “Boule” è amata per la perfezione della sua linea sferica, scintillante nel pavé neige declinato in tante varietà di pietre diverse, dal diamante nero all’icy. Oggi lo stesso concept curvy si rinnova in nuove proposte che, presentate a Basilea 2015, esaltano il rigore geometrico nel pavé nido d’ape e sorprendono con materiali inusuali per la maison, come l’ambra, o eccentrici, come il delicato avorio fossile di mammuth.

INSTRUMENTO – il celebre tonneau reinterpratato da Fawaz Gruosi nel 2000 è la forma che con il suo energico massimalismo ha più caratterizzato le proposte di alta orologeria maschile di de Grisogono. Il suo alter ego femminile, Instrumentino, si ridimensiona per adornare polsi più delicati esaltando la scelta di pietre sfrenatamente accese nel colore e nella luminosità.

Per info: http://degrisogono.com/

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Fashion News

Mille righe per la primavera 2024 di QL2

Published

on

QL2 – brand ready to wear interamente prodotto in Lombardia – per la Primavera 2024 reinterpreta la stampa a righe, uno dei più apprezzati trend di stagione. La collezione include completi caratterizzati da pantaloni con fusciacca e gilet, blazer doppiopetto e camicie che si declinano su tessuti di alta qualità come il lino e le preziose tele di lana. Per la palette colori i classici toni neutri, leitmotiv del brand, si alternano a nuance più estive come il bianco, l’azzurro e l’arancione; le proporzioni attentamente studiate donano ai capi un’attitudine effortless e una piacevole sensazione di comfort, ma senza prescindere dall’eleganza e da un tocco di glamour.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Collezioni Donna

Franco Ferrari – Autunno-Inverno 2024/2025

Published

on

Per l’Autunno-Inverno 2024/2025, Franco Ferrari presenta una collezione ispirata alle ricche culture orientali.

Realizzata con pregiati tessuti come velluto, seta, tulle e lana questa stagione intreccia sapientemente colori e motivi dell’arte tipica indiana dando vita ad un armonioso dialogo estetico.

Abiti, vestaglie e pigiama palazzo diventano una tela bianca per l’illustratrice Silvia Tassone, che, con i suoi disegni tutti realizzati a mano, arricchisce i capi con motivi floreali di giacinti, narcisi e fresie, fiori che sbocciano d’inverno e che anche nelle peggiori condizioni riescono a regalarci sfumature meravigliose.

Giacche, camicie e gonne adornate con simboli tradizionali presentano mosaici raffiguranti tigri o stampe animalier.

Un tocco di astrologia si fa notare con un omaggio al sole, alla luna e alle stelle che sembrano festeggiare insieme un carnevale celestiale.

Un mondo magnifico e fiabesco quello di Franco Ferrari che si estende anche nella collezione degli accessori, dove altre culture lontane si fondono alla perfezione. Foulard di seta, cappe di lana o cashmere si vestono con stampe di grandi margherite psichedeliche, grifoni e pignatte messicane, persino il gioco del domino come elemento ludico, sempre presente nel dna del brand.

Franco Ferrari è un universo dove tradizione e innovazione si uniscono in armonia, le sue collezioni non sono solo capi d’abbigliamento ma autentici portali magici che conducono chi li indossa in un incantevole viaggio attraverso cultura, bellezza e creatività.

Questo slideshow richiede JavaScript.

GLI ACCESSORI

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

5 Users (1 voto)
Criterion 15
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Fashion News

Quali giacche Barbour acquistare ? Una descrizione dei migliori modelli per le stagioni

Published

on

Ashby, Beaufort, Bedale, Northumbria…. questi sono i nomi delle giacche Barbour storiche, universalmente riconosciute, utilizzate da personaggi famosi, così come non. Oggi andremo nel particolare di ogni giacca storica di Barbour, capendo insieme per quale stagione si adatta e quale è la differenza.

Partiamo dalla più lunga, la Northumbria. E’ un giacca molto pesante, parliamo di un tessuto sylkoil di 227g, realizzata interamente in Inghilterra, che ci protegge da tutte le tipologie di intemperie, e permette comodamente, grazie al fit relaxed, di avere sotto un completo in tweed, o uno o più maglioni. E’ un ever green del mondo della campagna, amata per la sua comodità e impermeabilità. Chiaramente, è anch’essa dotata di bottoni per il cappuccio, e Wind flap, che una volta chiuso, vi proteggerà da qualsiasi tipologia di vento incontriate. Direi che, personalmente questa giacca può andare bene per le stagioni invernali, con clima particolarmente cruento, e può essere indossata ovunque. Importante: ricordiamoci sempre la lunghezza della giacca!

Giacca classica cerata Northumbria

Passiamo poi alla Beaufort, giacca di lunghezza media, prodotto storico di barbour, che ne ha appena festeggiato i 50 anni di creazione. E’ una giacca perfetta per tutte le occasioni, comoda perché non è corta, ma nemmeno lunga come la Northumbria e leggermente meno pesante.
Personalmente è il modello basic che preferisco, da tenere sempre con me, perché non si sa mai in quale contesto ci troveremo durante la giornata, ma con la Beaufort siamo sicuri di essere sempre ben vestiti. Anche questo modello, viene presentato da WP Lavori In Corso, che ricordiamo essere il distributore italiano di Barbour, e proprietario del marchio Baracuta, celebre per le sue Harringtons, in colore classico Olive, ma anche in altre versioni, di cui vi consiglio di dare uno sguardo. Anche questa giacca la consiglio per la stagione invernale, e da il massimo, quando equipaggiata con il gilet interno, che permette di stare ancora più caldi.

Barbour Beaufort

La Bedale. Che dire, un icona di stile, pratica, corta al punto giusto. Questa giacca la definirei la più trasversale, in senso che, mentre la Beaufort e la Northumbria, per me, sono giacche prettamente invernali, questa no. Mi spiego. La tengo sempre attiva, tutto l’anno, perché anche in estate magari può capitare di alzarsi presto, o andare in montagna dove si necessita di più copertura, quindi la utilizzo sempre. Variando la sua “ straticita” data appunto dalla presenza di una zip che consente, nelle stagioni invernali, di equipaggiarla con un gilet. E’ più cittadina come costruzione, infatti proprio lì è molto comoda, in quanto permette di girare senza preoccuparsi della lunghezza, e passare da ambienti freddi a iper riscaldati senza problemi. Che dire, il giusto mix.

Barbour Bedale

Ultima, ma non per importanza, la Ashby. E’ il modello più recente, e anche il più leggero delle giacche Barbour. Il fit e’ tailored, quindi parliamo comunque di una vestibilitá stretta. Le differenze? I bottoni color oro e i polsini in corduroy che riprendono il colletto, che non ha il bottone classico. Un modello che definirei di approccio a Barbour, e sicuramente da utilizzare nelle stagioni intermedie per comprendere appieno l’essenza del brand. Ottima da usare anche con un dolcevita, ma la sua forza principale è la pesantezza, che la rende la giacca perfetta da utilizzarsi in quei mesi dove con un maglione fa caldo e senza fa freddo. Ovviamente il tutto in stile barbour. E’ un go to, che e’ poi stato reinterpretato anche in una versione estiva, molto bella, di un verde militare delicato, che si ancora perfettamente allo stile senza tempo del brand.

Barbour Ashby

Considerazione finale:
Qualsiasi modello sceglierete, ogni giacca del brand va considerato un investimento. Va usata tantissimo, perché più la porterete più la giacca si adatterà al vostro corpo, e, in un futuro, potrete tramandarla ai vostri figli. Cosa c’è di più bello e di più sostenibile di questo?

Info:
www.wpstore.it

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending