Connect with us

Style & Luxury

Simboli portafortuna dell’alta gioielleria popolano l’universo incantato di mondi ideali e immaginari … da indossare con grazia

DailyMood.it

Published

on

24 agosto 2012

Attraverso un viaggio immaginario tra est e ovest e tra cielo e terra, la nuova collezione di Alta Gioielleria di Van Cleef & Arpels, Palais de la chanceTM, riunisce una miriade di simboli portafortuna.

Varcare la soglia di questo mondo incantato ricalca a meraviglia  la massima di Jacques Arpels: “per avere fortuna, bisogna credere nella fortuna”.

Nel corso della propria storia, Van Cleef & Arpels ha sempre creato sotto il segno dell’amore, della serenità e della fortuna.

In tutte le collezioni, le materie più pregiate diventano la stoffa di sogni intessuti di bellezza e armonia che brillano come desideri preziosi.

Numerosi sono i simboli portafortuna che popolano l’universo della Maison, ispirati da mondi reali o immaginari, dalle creature del cielo e da quelle di terra.

Coccinelle e quadrifogli, fate e liocorni ne costellano il destino con la loro presenza benevola.

Abbandonandosi ad una visione poetica del mondo, Van Cleef & Arpel rende omaggio alla fortuna in molti modi.

Questa si può manifestare nello spazio di un’emozione o in uno spettacolo ammaliante.

Attraverso lo scintillio delle stelle in una notte d’estate, ad esempio, o tramite il volo delle rondini che annuncia la primavera o ancora durante la magia di un incontro.

Non rimane dunque che attirare la buona sorte… a chi le offre la sua compagnia, lei sorriderà. Per questo bisogna prendersene cura come fosse un tesoro.

Oggi, Van Cleef & Arpels celebra questo valore positivo in occasione della nuova collezione di Alta Gioielleria Palais de la chance.

Viaggiando tra cielo e terra, da est a ovest, la Maison ha nutrito il proprio immaginario di simboli e racconti di cui offre la propria, preziosa interpretazione.

Ricorrendo a più fonti d’ispirazione care a Van Cleef & Arpels, la collezione si compone di tre storie: La Buona Stella, La Natura Portafortuna et Le Leggende della Fortuna.

Creatività e savoir-faire.

Ogni pezzo unico della collezione vuole esprimere una particolare visione della fortuna ma anche lo stile e la maestria di Van Cleef & Arpels.

Eccezionali gemme di colore, pietre dure scolpite, temerarie combinazioni tra materie…

La Maison, nota per la propria creatività ed eccellenza, ha nuovamente fatto uso delle spettacolari Pierres de CaractèreTM.

Selezionate secondo criteri di qualità molto rigorosi, si distinguono anche per la propria anima, per il carattere – appunto – in grado di far battere il cuore e trasmettere un’emozione unica.

Al fine di valorizzare queste pietre e infondere la poesia della chance alle proprie creazioni, Van Cleef & Arpels ha impiegato tutto il proprio know-how tecnico.

Alle prodezze tradizionali realizzate dalle Mains d’Or™ degli atelier, come il Serti Mystérieux™ o il famoso collier Zip ispirato dalla cerniera lampo, si unisce la magia di sottili metamorfosi.

Sautoir trasformabili, motivi amovibili e Théâtres Poétiques, ossia pezzi ludici dotati di meccanismi gioiello che testimoniano ancora una volta la genialità e la capacità innovativa di Van Cleef & Arpels.

La Buona Stella.

Attenta ai segnali della sorte, la Maison volge il proprio sguardo al cielo che scintilla come una distesa di pietre preziose.

Si delineano brillanti costellazioni dove diamanti e gemme rivaleggiano in bellezza.

In questa galassia, ognuna può cercare la propria bonne étoile o aspettare il passaggio di una stella cadente…

La sua coda di diamanti illumina la collezione e v’invita ad esprimere un desiderio.

Attraverso queste creazioni, la Maison rinnova la tematica degli astri, già esplorata nel 2010 per alcuni pezzi della collezione Les Voyages Extraordinaires™ ma anche per il quadrante della Complication PoétiqueTM Midnight in Paris del 2008.

Oggi come ieri, questa suggestione proveniente dal cielo permette di esprimere un immaginario fatato attraverso gioielli in cui prevalgono la leggerezza, il movimento e la femminilità.

Clip Étoile Filante.

Fortunato chi, scorgendo una stella cadente, riesce ad esprimere il desiderio più sentito…

La Maison immortala questo spettacolo raro e fugace con una clip che associa raffinatezza estetica e prodezza tecnica.

Mentre i diamanti di tagli diversi – rotondo, poire e rosa – tratteggiano la coda luminosa e suggeriscono il movimento, un meccanismo insospettabile consente di far ruotare manualmente di 360° il corpo della stella.

La clip Étoile Filante rientra infatti tra i Théâtres Poétiques di Palais de la chance.

Nuova interpretazione dei bijoux trasformabili cari alla Maison, questi pezzi ingegnosi sono dotati di un meccanismo molto discreto.

L’estetica del gioiello può così evolvere, aggiungendo alla bellezza una componente ludica.

Clip Étoile Filante, oro bianco e diamanti.

Parure principale della collezione, il collier e gli orecchini Sept Étoiles rendono omaggio alla più celebre delle costellazioni: l’Orsa Maggiore.

Secondo la mitologia greca, la sua origine risale alla bella ninfa Callisto.

Amata da Zeus, suscita la collera di Era che la trasforma in orsa. Insieme a suo fi glio Arcade,
che forma l’Orsa Minore, scintilla, da sempre e per sempre, a nord.

Per rappresentare le sette stelle più brillanti della costellazione, la Maison ha selezionato un insieme eccezionale di zaffi ri taglio coussin del Kashmir che totalizzano 33,73 carati.

Ci sono voluti diversi anni di ricerca per riunire tutte queste Pierres de Caractère, perfettamente assortite per dimensione e colore.

Gli zaffi ri del Kashmir, rinomati per il loro blu vellutato, sono particolarmente richiesti dai conoscitori per via della loro rarità e di un’origine ammantata di prestigio.

Le pietre sono sottolineate dalla struttura torsadé del collier che combina volume e fl essibilità.

I diamanti baguette sono stati tagliati ad hoc per adattarsi perfettamente alle curve di queste linee voluttuose.

Parure Sept Étoiles, Collier Sept Étoiles, platino, 7 zaffi ri taglio coussin per un totale di 33,73 carati (origine: Kashmir) e diamanti rotondi, taglio baguette, poire e rosa.

Orecchini Sept Étoiles, platino e diamanti rotondi, taglio baguette, poire e rosa.

La Natura Portafortuna.

Tematica cara da sempre a Van Cleef & Arpels, la natura infonde vitalità e poesia alle creazioni della Maison.

Stupita dalle costanti metamorfosi della flora e della fauna, vi vede una moltitudine di portafortuna trasformati in gioielli dalle Mains d’Or degli atelier di Place Vandôme.

In questo giardino incantato, creature d’aria e di terra, fiori e piante compongono insieme un’ode alla natura benevola e protettrice.

Svolazzi e bouquet preziosi offrono il più incantevole degli spettacoli per chi sa riconoscere la fortuna nelle meraviglie del mondo.

Clip Trèfles, oro bianco, 2 zaffiri rosa taglio cuore per un totale di 15,27 carati (origine: Madagascar) e diamanti.

Motivo universalmente riconosciuto come emblema di buona sorte, il quadrifoglio è qui l’interpretazione massima dei valori positivi della Maison.

La clip ben si sposa all’emblematica citazione di Jacques Arpels, nipote di Estelle Arpels: “per avere fortuna, bisogna credere nella fortuna”, delicatamente incisa su un nastro ondeggiante.

Il lavoro d’incisione è eseguito con la tecnica à main levée che richiede un’estrema minuzia.

La Maison fa rivivere così una massima cara alla propria storia e rivisita il motivo quadrifoglio,
che ricorre con frequenza negli archivi.

Se, secondo la leggenda, i quattro petali rappresentano speranza, fede, amore e fortuna, Van Cleef & Arpels ne rinforza la simbologia romantica grazie a due zaffiri di un rosa delicatamente intenso.

Le pietre taglio cuore, di rispettivamente 7,51 e 7,76 carati, si guardano in un tête-à-tête amoroso, sotto teneri auspici.

Con la parure Moments de chance noir & blanc, ornata di farfalle tigrate, la Maison celebra l’incontro tra due motivi dal forte potere simbolico.

Come lo yin e lo yang, i due animali illustrano la diversità dell’universo e compongono una nuova armonia, a metà strada tra delicatezza e grandiosità.

Presente in numerose mitologie, la farfalla è associata all’anima, al soffi o della vita, all’immortalità, mentre la tigre, figura principale dell’immaginario cinese, è simbolo di coraggio e di protezione al tempo stesso.

La parure Moments de chance noir & blanc sottolinea anche la dualità di questa coppia attraverso il contrasto sorprendente dell’onice e dei diamanti.

Già utilizzato per la collezione Bals de Légende™ (il Ballo Black & White), quest’estetica grafi ca è qui rinforzata dal decoro striato della farfalla di cui ogni elemento in onice è stato modellato appositamente per inserirsi alla perfezione nella struttura del gioiello.

Parure Moments de chance noir & blanc Sautoir e clip rimovibile Moments de chance noir & blanc, oro bianco, diamanti, onice, sfere di onice e perle bianche coltivate.

Orecchini Moments de chance noir & blanc, oro bianco, diamanti, onice, sfere di onice e perle bianche coltivate.

Lo spettacolare collier Hirondelles, ispirato dal volo leggero delle rondini, vuole celebrare la natura che si rinnova.

Messaggeri della primavera, questi uccelli migratori sono considerati in Europa dei portafortuna
e di buon augurio per la dimora dove scelgono di costruirsi il nido.

Deliziose e vivaci, hanno già stimolato in passato la creatività di Van Cleef & Arpels che negli anni Venti aveva dedicato loro uan serie di clip in diamanti.

Oggi riappaiono sotto una forma molto realista, volando in circolo davanti ad una vegetazione simbolica, bagnata dai primi raggi del sole.

Per tradurre questo quadretto impregnato di vitalità, la Maison ha impiegato una paletta cromatica piuttosto originale.

Al tenue camaïeu di verdi, composto da smeraldi, granati tsavorite e da sfere di crisoprasio, fa eco il rosa radioso di una tormalina di 19,59 carati.

L’insieme è esaltato da splendenti tocchi di onice e di lacca nera, così come da un lotto eccezionale di 39 perle coltivate di Tahiti che si distinguono per la tinta grigio scuro e per loro lucentezza.

Questo collier rientra nella linea dei pezzi trasformabili tipici alla Maison, perché può essere portato senza il motivo principale che, rimosso, diventa una spilla.

La chiusura gioiello diventa allora il decoro centrale che orna il decolleté.

Clip Coccinelle Mystérieuse. Simbolo universale di buona sorte, la coccinella diventa un gioiello portafortuna di proporzioni apprezzabili.

Traendo spunto dalla consuetudine di esprimere un desiderio quando la coccinella si posa su di noi, la Maison cattura l’istante furtivo in cui l’insetto prende il volo, consentendo al voto di realizzarsi.

Questo pezzo dalle linee aggraziate è anche espressione di un savoir faire emblematico di Van Cleef & Arpels: il Serti Mystérieux.

Brevettata nel 1933, quest’esclusiva tecnica d’incastonatura regala un effetto perfettamente uniforme e permette di creare volumi senza che il metallo sottostante sia visibile.

Qui, i rubini delle ali sono stati suiffés (operazione che consiste nello smussare alcune faccette per conferire l’aspetto del cabochon) al fine di rinforzare il rilievo vellutato del gioiello.

Parure Hirondelles. Collier et spilla rimovibile Hirondelles, oro bianco, diamanti, smeraldi, granati tsavorite, onice, lacca nera, perle nere coltivate, sfere di crisoprasio e 1 tormalina rosa taglio smeraldo di 19,59 carati (origine: Brasile).

Orecchini Hirondelles, oro bianco, diamanti, smeraldi, granati tsavorite e onice. Clip Coccinelle Mystérieuse, Oro bianco, diamanti, onice, spinelli neri, zaffi ri gialli, oro rosa e rubini Serti Mystérieux.

Il fogliame verde e il vigore l’hanno resa un simbolo di attaccamento, fedeltà e amore eterno.

L’edera è stata la fonte d’ispirazione per questa parure composta da collier e orecchini, realizzati nella più pura tradizione della Maison.

Nel corso degli anni Trenta, Van Cleef & Arpels si è distinto grazie ad alcuni gioielli spettacolari
caratterizzati da lotti di smeraldi, rubini e zaffi ri ovali.

Oggi l’edera è qui evocata da un insieme eccezionale di 56 smeraldi ovali dello Zambia che totalizzano 98,62 carati.

Queste pietre, di un verde intenso e luminoso, sono notevoli per la vivacità e l’omogeneità del colore, segno di speranza.

La chiusura gioiello a forma di foglia d’edera apporta un delicato tocco portafortuna a questo collier regale e statuario.

Collier Lierre, Oro bianco, diamanti, spinelli neri, platino e 52 smeraldi ovali per un totale di 93,12 carati (origine: Zambia).

Orecchini Lierre, Oro bianco, diamanti, spinelli neri, platino e 4 smeraldi ovali per un totale di 5,50 carati (origine: Zambia).

Parure Lierre. Clip Fortuna.

La dea romana della buona sorte veglia su questa collezione di Alta Gioielleria attraverso la clip Fortuna.

“La fortuna sorride agli audaci”, sembra sussurrarci all’orecchio questa figurina femminile.

Associata al destino, Fortuna è spesso rappresentata con gli occhi bendati e con una ruota. Qui appare con il volto dissimulato dietro il braccio, suggerendo che la chance è cieca e imparziale.

La silhouette slanciata appoggia su una sfera di opale che simboleggia il globo terrestre, mentre dal suo corno dell’abbondanza sgorgano zaffi ri multicolore e perle bianche coltivate.

Adornata da un delizioso camaïeu di gemme, un’eco ai rifl essi di opale, e dotata di ali delicatamente traforate, questa dea seduce per la sua grazia aerea.

Rientra infatti nella tradizione delle fate e delle ballerine che popolano l’universo di Van Cleef & Arpels fi n dagli anni Quaranta.

Le Leggende della Fortuna.

Da quasi un secolo, le creazioni della Maison testimoniano la sua curiosità per le altre culture.

Negli anni Venti, un’irresistibile attrazione per l’Oriente e l’Estremo Oriente s’impossessa della gioielleria parigina mentre il pubblico ne scopre i tesori, quali ad esempio ceramiche, sete e bronzi, durante l’Esposizione Universale.

Oggi Van Cleef & Arpels si rifà nuovamente a queste infl uenze lontane, alla ricerca di simboli portafortuna.

Viaggiando attraverso le leggende locali, reinterpreta le fi gure che popolano l’immaginario orientale. Dee e dragoni, animali e fi ori talismanici perpetuano così la tradizione poetica e magica di Van Cleef & Arpels.

Clip Fortuna, Oro bianco, diamanti, opali bianchi, zaffiri di colore, perle bianche coltivate e volto in diamante taglio rosa.

Collier Beauté Éternelle. Parure Everlasting Light.

Tradizionale nodo intrecciato, il panchang è un portafortuna molto popolare in Cina. Motivo detto
“senza fi ne”, perché il suo intreccio suggerisce un movimento infinito, è associato alla longevità e alla prosperità.

Con il suo scintillìo di diamanti, tra cui due pietre di 2,31 e 2,33 carati, impreziosisce in tre punti
questo fi ammante collier dal fascino senza tempo.

La creazione può essere composta da sei a otto ranghi sfere di rubino – per un totale di 665 – originari del Madagascar.

All’infilatura, tecnica importante in gioielleria che necessità di abilità e pazienza, è stata dedicata una cura particolare.

I due ranghi di rubini supplementari sul dorso del collier valorizzano la nuca mentre il fermaglio è magnifi cato dal motivo panchang in diamanti.

All’interno della collezione, vari pezzi rendono omaggio all’Egitto antico. Dal 1922, anno segnato dalla scoperta della tomba di Tutankhamon nella Valle dei Re, la Maison crea i suoi primi gioielli
ispirati a questa civiltà.

Sautoir, bracciali, clip e orologi vengono arricchiti di motivi tradizionali in onice, rubini e smeraldi.

Oggi la tematica è di nuovo in auge grazie a questa parure che unisce diversi simboli.

Battezzata Everlasting Light, associa le nozioni di luce ed eternità per evocare una fortuna perenne.

Per sottolinearne il signifi cato, il nome è inciso a mano sul motivo in lapislazzuli del fermaglio del collier.

Ricchissima di dettagli, la parure unisce anche molti elementi dell’iconografi a egiziana. La rana, simbolo di vita e fertilità, appare in più punti della collana e sugli orecchini, mentre le palme in diamanti, bordate di onice, ricordano i palmeti che costeggiano il Nilo.

Un motivo in lapislazzuli, pietra molto apprezzata dagli egiziani, sormonta il pon pon del collier.

Altra ragguardevole caratteristica di questa parure è l’ampia varietà di materie che compongono una sottile armonia di nuance.

Al fuoco ipnotico dell’opale rispondono il verde luminoso del crisoprasio, il blu profondo delle tormaline, la tinta intensa dello zaffi ro e l’azzuro mare dei lapislazzuli.

Le 471 sfere di crisoprasio, perfettamente assortite, conferiscono al collier uno splendore senza
uguali sul quale si stagliano dei granati mandarino, il colore del sol levante.

Collier Beauté Éternelle. Oro bianco, diamanti, 665 sfere di rubino (origine: Madagascar) e
2 diamanti rotondi di 2,31 e 2,33 carati.

Collier Everlasting Light, Oro bianco, crisoprasio, granati mandarino, lapislazzuli, zaffiri, diamanti, tormaline, onice, turchesi, smeraldi e 1 opale nera cabochon di 23,64 carati.

Orecchini pendenti Everlasting Light, Oro bianco, diamanti, tormaline, onice, lapislazzuli,
crisoprasio, turchesi, smeraldi, granati mandarino e 2 opali nere per un totale di 5,53 carati.

Clip Hina. Altra figura femminile della collezione Palais de la chance, la clip Hina trae ispirazione dalle bambole ornamentali giapponesi di antichissima tradizione artigiana.

Denominate hina-ningyô, sono offerte alle giovani in segno di protezione, salute e fortuna per il futuro.

Ogni anno, in previsione della festa che le celebra (Hinamatsuri), il 3 di marzo, queste bambole vengono esposte su piattaforme rosse a raffi gurare una corte completa che rievoca quella imperiale dell’epoca di Heian.

Per rendere il volume e la raffi natezza dei costumi tipici, la Maison ha fatto appello a più mestieri, tutti di grande minuzia.

Il corallo rosso vermiglio intenso (originario del mare del Giappone) è stato selezionato rigorosamente e scolpito per andare a ricreare il drappeggio del kimono.

Anche i rubini Serti Mystérieux, gli smeraldi e la giada nefrite intagliata per l’acconciatura giapponese, concorrono alla grande copiosità di dettagli e di materie.

Bague Bianfu. In virtù di questa collezione, Van Cleef & Arpels arricchisce il proprio bestiario di un nuovo animale che in Cina ricopre un ruolo positivo.

Il pipistrello, simbolo Feng Shui di fortuna e prosperità, si svela qui sotto una nuova luce, un volo carezzevole e benevolo.

Stilizzate e impreziosite da zaffi ri rosa, le creature alate si fondono armoniosamente tra le
volte nuvolose dell’anello Bianfu.

La montatura delicatamente traforata valorizza uno stupefacente zaffi ro viola dello Sri Lanka di
23,24 carati, il cui colore profondo e magnetico rievoca l’oscura chiarezza di una notte d’estate.

Clip Hina, Oro bianco, diamanti, rubini, zaffiri rosa e malva, smeraldi, oro rosa, rubini Serti
Mystérieux, corallo, giada nefrite e volto in diamante taglio rosa.

Bague Bianfu, Oro bianco, diamanti, oro rosa, zaffiri rosa e 1 zaffiro viola taglio smeraldo di 23,34 carati (origine: Sri Lanka).

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Fashion News

Tutto il meglio del Coachella 2018

Polici Francesca

Published

on

Si è appena concluso uno dei festival più cool e glamour dell’anno, l’attesissimo Coachella che ogni anno ci fa sognare con meravigliosi look eccentrici – e, diciamolo, anche un po’ nostalgici per chi non può fare a meno di amare la gloriosa stagione glamour dei figli dei fiori. Così, il deserto californiano di Indio, si è trasformato in una passerella in cui le protagoniste hanno dato il meglio di sé.

Tante le celebrities e i party del festival musicale che ha ospitato sul suo palco numerose star internazionali. Ma la vera regina non poteva che essere lei, Beyoncé che con i suoi 5 outfit, tutti rigorosamente firmati Balmain, ha lasciato a bocca aperta.

Ma anche Rihanna ha saputo conquistare la scena con il suo look street all’immancabile party di Fenty Puma.

Anche Twinset ha lasciato il segno in questo straordinario evento in cui ha scelto come testimonial la giovane sorella della fashion blogger e influencer più famosa del mondo, Valentina Ferragni che ha indossato un bellissimo mini dress total black, accompagnata da Veronica Ferraro, la migliore amica di Chiara.

Bella e Gigi Hadid (Credit LaPresse)

Tra le top model che hanno preso parte alla manifestazione, non solo gli immancabili angeli di Victoria Secret, ma anche le sorelle Hadid, Bella e Gigi. E a proposito di questo, Gigi ci ha riservato una grande sorpresa, annunciando in diretta Instagram la prossima capsule collection di H&M che sarà con Moschino – a suggellare il momento una foto che impazza sui social con la top model, il genio della moda Jeremy Scott e Ann-Sofie Johansson.

Ma le sorprese del Coachella non sono finite qui. Infatti, nell’anno in cui si attende l’agognato ritorno delle Spice Girls, a riunirsi sul palco sono state le Destiny’s Child in occasione del loro ventesimo compleanno, diventando la notizia assoluta del primo weekend del Festival.

Protagonista del secondo weekend, invece, è stata la star più amata dai teenagers, Ariana Grande che con la sua vistosissima coda di cavallo viola ha cantato il primo singolo dopo la strage di Manchester: No tears left to cry – ricordando le vittime dell’attacco terroristico.

E nonostante i variegati e originalissimi look sfoggiati da tutti – celebrities e ospiti compresi –, una nota a parte la merita Queen Bey che è stata la prima star di colore a presenziare sul palco del festival californiano. Un evento che la pop star ha saputo rendere ancora più unico grazie ai suoi indimenticabili look che hanno già dettato le prossime tendenze. E allora vediamo nel dettaglio gli outfit disegnati da Olivier Rousteing, design di Balmain, a cui Beyoncé ha

Destiny’s Child (Credit Instagram)

commissionato tutti i look dell’evento, compresi quelli dei ballerini.
Partiamo subito dall’outfit che ha aperto lo show, il più elaborato di tutti: un body e un lungo mantello ricamato con la regina Nefertiti riprodotta sul retro e un copricapo in stile egizio. Più classico, invece, quello con la felpa top gialla, shorts in denim e incantevoli boots con frange. Passiamo al rock’n roll con la maglia in retina e al fetish con body e stivali in lattex total black. E, per finire, il look che ha fatto sognare di più – complice il momento tanto atteso – quello della reunion con la band: pantaloni e top a maniche lunghe per Michelle Williams, top e shorts per Kelly Rowland e body per Beyoncé, il tutto in un perfetto coordinamento mimetico e paillettato.

Possiamo dire con assoluta certezza che questo festival non poteva andare meglio di così. E ora, tutte alla ricerca degli outfit più cool di questo Coachella 2018. Buono shopping!

di Francesca Polici per DailyMood.it

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Lifestyle

Bottega Veneta presenta la sua nuova Home Collection durante il Salone del Mobile 2018

DailyMood.it

Published

on

La nuova Home Collection Bottega Veneta, disegnata dal Direttore Creativo Tomas Maier, viene presentata durante la settimana del Salone del Mobile di Milano. Nel rispetto degli ideali di artigianalità e armonioso equilibrio tra matericità, design e funzionalità che da sempre la caratterizzano, la collezione sfoggia nuove, spiritose finiture sui pezzi iconici e una palette più vivace e colorata. “Volevo presentare qualcosa di molto diverso rispetto alle proposte introdotte due anni fa, grafiche e smorzate nel colore”, commenta Maier. “Mi piace offrire al mio cliente nuove idee su come creare uno spazio abitativo.” Maier sviluppa anche ulteriormente la collaborazione con Osanna Visconti di Modrone per il lighting”.

UNA COLLABORAZIONE CHE CONTINUA
La collezione segna la seconda collaborazione tra il Direttore Creativo Tomas Maier e la designer italiana Osanna Visconti di Modrone, dopo la serie di tavoli in bronzo presentata nel 2016. Vi sono tre proposte di illuminazione cilindriche, tra cui uno scenografico lampadario di grandi dimensioni che ha debuttato a New York in occasione dell’inaugurazione della Maison in Madison Avenue. Completano la selezione una sottile lampada da tavolo e una sospensione che si può usare da sola o in piccoli gruppi. Tutti i pezzi sono realizzati con la tecnica della cera persa, solitamente impiegata in scultura, che crea una trama intrecciata squisitamente tattile sul bronzo.

RIVISITAZIONE DEGLI STILI ICONICI
C’è un nuovo senso di giocosità nel modo in cui Maier fa evolvere i pezzi iconici della Home Collection. Nuova arrivata nella famiglia di sedute Rudi, la Rudi Fringe ha un bordo intrecciato lungo la base che prosegue in una frangia ispirata alla passamaneria. “Quello stile tradizionale è fuori moda da moltissimo tempo”, spiega Maier. “Volevamo rilanciare l’idea ma in modo nuovo.” Il Camp Bed e il Double Camp Stool sono ora più audaci e grafici nella versione in intrecciato a contrasto bianco e nero. Anche il tavolo architettonico in metallo 8-Arches ha un nuovo look, con un piano di marmo bianco e nero di grande impatto, al posto del consueto rovere o travertino. Nella collezione di porcellane, Maier presenta un nuovo, delicato motivo con farfalle dipinte a mano. Disposte apparentemente a caso, alcune farfalle sono appena abbozzate mentre altre sono disegnate nei dettagli, per un effetto affascinante e individualistico.

UNA NUOVA FUNZIONALITÀ
Questa collezione vede il debutto di vari pezzi con nuove funzioni. La BV Tre – prima vera famiglia di sedute modulari di Bottega Veneta – si compone di tre pezzi: una seduta angolare, una seduta singola e un pouf, che possono essere con gurati in qualsiasi modo per adattarsi alle esigenze del cliente. La BV Tre ha una sensibilità spiccatamente rilassata; è più bassa rispetto alle famiglie Tassello e Rudi ma più profonda e più larga. Un’altra novità è il tavolo da pranzo rettangolare, in travertino di un’intensa tonalità di rosso appoggiato su una base centrale, come nella versione circolare. “Odio le gambe dei tavoli da pranzo”, sottolinea Maier. “Ci sbatti sempre contro le ginocchia quando ti siedi. È per questo che mi piace disegnare tavoli da pranzo senza gambe.” Nuova anche la Tassello dining chair, che appartiene alla famiglia di sedute imbottite lineari e morbide. La nuova Two-Drawer desk in rovere grigio chiaro color Doe è realizzata con le squisite maniglie scolpite in bronzo, utilizzate anche nel classico Six-Drawer Chest. È attualmente l a scrivania più grande della collezione.

UNA PALETTE INASPETTATA
La palette solitamente smorzata e discreta della Home Collection acquista un accento più spensierato con elementi di un bianco puro e una gamma di colori pastello più tenui e romantici. La Murano lamp è in vetro patinato bianco, per donareun look luminoso a una delle proposte di illuminazione più iconiche. Anche il Floating Marble Coffee Table è proposto in bianco. La nuova famiglia di sedute BV Tre è presentata in Mist, una vivida tonalità di bianco. La BV Tre e le classiche famiglie di sedute come la Tassello e la Rudi sono disponibili in nuovi colori come Antique Rose, un rosa cipria; Artichoke, un verde délave ́; e Doe, un delicato grigio chiaro. Il tavolo da pranzo rettangolare è più vivace in travertino rosso; e la nuova Two-Drawer desk è presentata in rovere di colore Doe chiaro.

L’ARTE DI VIVERE DI BOTTEGA VENETA
Espressione dell’arte di vivere italiana, parte integrante della cultura di Bottega Veneta, la nuova collezione viene esposta nella boutique in Via Borgospesso, all’interno del settecentesco Palazzo Gallarati Scotti, nel cuore di Milano. Maier ha curato una selezione di opere d’arte contemporanee provenienti dalla galleria Robilant + Voena, che comprende pezzi di Agostino Bonalumi, Alberto Burri, Mimmo Rotella e Pietro Consagra. Nella cornice degli storici affreschi, le opere d’arte e i mobili creano un eclettico connubio di tradizione e innovazione che è l’essenza di Bottega Veneta.

 

LA HOME COLLECTION
La Home Collection si è evoluta in modo organico dalla prima creazione di Tomas Maier, una panca da lui ideata nel 2006 insieme agli esperti artigiani di Bottega Veneta. Da allora il brand ha sviluppato il design per la casa e presentato collezioni complete di mobili e accessori, molti dei quali realizzati con stimati produttori come gli artigiani del vetro di Murano, Koenigliche Porzellan-Manufaktur Berlin per le porcellane e Poltrona Frau per le sedute. Nel 2015, Bottega Veneta ha aperto in Veneto, la regione di cui è originaria, un Atelier dedicato ai mobili. Quest’anno, il brand ha lanciato un nuovo retail concept per la casa all’interno della Maison di New York denominato The Apartment. Lo spazio propone la più ampia selezione di mobili e accessori per la casa Bottega Veneta degli Sta ti Uniti, esposti in un ambiente che riproduce l’interno di un appartamento, completo di una selezione di libri e opere d’arte.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Accessori

Valentino SS 2018 Eyewear Collection. Linee fluide e colore disegnano uno stile senza tempo.

DailyMood.it

Published

on

La Maison Valentino è stata fondata a Roma nel 1960 e da allora rappresenta una delle più alte espressioni del savoir-faire Couture e dell’eccellenza Made in Italy.

Grazia, delicatezza e pura dedizione alla cultura sartoriale pervadono l’atmosfera vibrante ed eterea degli Atelier di Palazzo Mignanelli, dove creazioni dall’eleganza senza tempo prendono vita ogni giorno. Pierpaolo Piccioli, Direttore Creativo Valentino, guida l’innovazione della Maison, ispirandosi a una concezione profondamente umanistica della creatività come processo individuale.

Gli accessori traducono i valori della Maison in una visione estetica contemporanea, andando oltre le regole lasciando spazio alla contaminazione di stili per esprimere se stessi e la propria unicità.

La collezione Eyewear nasce dalla stessa ricerca estetica, che fa convivere elementi apparentemente inconciliabili creando una nuova armonia. Leggerezza e trasparenza si affiancano a linee bold e metallo punk, e a inaspettati accostamenti di colori e materiali. Un mix irresistibile di fascino intellettuale e sensualità, simbolicamente riassunto nell’iconica stud Valentino che firma le aste di tutti i modelli.

Un hommage alla bellezza ed individualità delle donne contemporanee.

Proposte Occhiali da Sole
VA 2010B
L’occhiale da sole gioiello fa parte degli accessori della sfilata Valentino PAP SS18. Il fronte piatto ha sottili cornici rotonde in metallo argento, nelle quali si inserisce una costellazione di micro cristalli scintillanti incastonati a mano. Le declinazioni di colore sottolineano l’effetto prezioso e glam degli abbinamenti: lente blu con cristalli acquamarina, lente verde con cristalli neri, lente rosso chiaro con cristalli color rubino. Le aste sottili sono contrassegnate dall’iconica stud Valentino sul terminale in acetato.

VA 2019
Occhiale da sole in metallo dalla linea pilot. La costruzione  è audace, con sottile doppio ponte e lenti che sembrano sospese nel gioco delletexture. Il modello è declinato in combinazioni cromatiche dai toniesclusivi: l’oro chiaro, con lente nera specchiata e il rutenio, con lentein una delicata nuance rosa. Le aste hanno terminali in acetatohavana con l’iconica stud Valentino.

VA 2018
L’occhiale da sole squadrato riprende il tema iconico del brand, con una cornice in raffinata texture metallica sormontata da lentepiatta a mascherina. L’eleganza del modello è sottolineata dai due abbinamenti cromatici: la versione in oro rosa monta una lente leggermente specchiata argento mentre quella gunmetal una lente sfumata e specchiata oro. L’asta sottile e sagomata ha terminali in acetato ed è siglata con l’iconica stud Valentino.

VA 4030
Un elegante gioco di trasparenze e una costruzione sofisticata caratterizzano l’occhiale da sole cat eye con lente blu scuro. La base cristallo in fibra di nylon è ridisegnata sulla parte frontale da un inserto in metallo a mascherina, realizzato nei toni dell’oro rosa chesfuma in blu opaco e fissato con micro borchie. Il modello ha aste sottili con il terminale in acetato siglato dall’iconica stud Valentino.

VA 4028
L’occhiale da sole a farfalla dalle proporzioni extralarge è sinonimo di femminilità. La classica eleganza è resa audace dalle aste bold, e le tonalità scure dell’acetato sono illuminate dai toni metallici di borchie e cerniere. Il modello è declinato in nero, con lente marrone che sfuma in rosa, e in havana con lente sfumata verde. L’asta è rifinita con la stud iconica Valentino.

VA 4035
L’occhiale da sole squadrato si distingue per la costruzione dall’eleganza contemporanea. Una mascherina di acetato trasparente si accosta al frontale, fissata con due piccole borchie, ottenendo una silhouette dall’effetto etereo e fluido. Le versioni sono due: il nero con lente verde sfumata e il color cipria con lente a specchio sfumata marrone.
Le aste sottili in metallo argentato hanno un terminale in acetatocon l’iconica stud Valentino.

VA 4033
Occhiale da sole cat eye. Il frontale compone un gioco sofisticato di acetati a contrasto, con una seconda cornice geometrica che sottolinea la montatura trasparente. Le declinazioni hanno ricercatia ccostamenti di colore: fronte trasparente con bordo havana scuro, lente marrone sfumata e aste in metallo dorato; fronte rosa trasparente con bordo cristallo e aste gunmetal. L’iconica stud Valentino sui terminali delle aste.

VA 2022
L’occhiale da sole dal design essenziale punta su nuance delicatee sottili lenti a farfalla, sfumate in gradazioni dall’azzurro al grigio, passando al rosa, e rese preziose da un leggero effetto sfumato.
Il modello è caratterizzato da un ponte sottile e dalla nuova attaccatura alta delle aste in metallo dorato. L’iconica stud Valentino sui terminali in acetato.

VA 2026
Ispirazione ultramoderna e particolari ricercati fanno dell’occhiale da sole a mascherina un accessorio distintivo e di grande personalità.
L’ampio fronte è composto da una lente monocromatica piatta sulla quale si inserisce un sottile profilo grafico in metallo bianco.
Rivetti metallici collegano le aste dagli inserti in pelle decorate con le iconiche stud Valentino nella variante bianca. Il modello è disponibile nella versione con lente a specchio argento e pelle nera, oppure con lente verde chiaro e pelle verde.

Proposte occhiali da Vista
VA 1011
Occhiale da vista cat eye in metallo. La struttura è leggera, con cigliare disegnato da una texture traforata dai colori sfumati.
Le aste sono sottili e hanno terminali in acetato – con l’iconica stud Valentino – che richiamano il colore del frontale. Elegante e contemporaneo, il modello è disponibile nelle seguenti declinazioni: rutenio con terminale azzurro; oro sfumato in verde foresta; argento sfumato in rosso.

VA 3018
Occhiale da vista cat eye. Sulla montatura in acetato trasparente si inserisce una sottile cornice in metallo dall’effetto bicolore, disponibili nelle seguenti varianti: rosso sfumato in bordeaux; rutenio sfumato in nero; oro rosa sfumato in bianco. Il modello, lucente e raffinato, è arricchito sul fronte da micro borchie luminose.
Le sottili aste cilindriche hanno terminali in acetato in toni coordinati, e anch’esse sono siglate con le iconiche stud Valentino.

VA 3017
Occhiale da vista in acetato dalla silhouette elegantemente squadrata.
Il frontale e le aste bold sono decorati da cerniera e borchie argentate, che illuminano gli acetati. Il modello è declinato nelle varianti: nero,havana biondo e havana rosa. L’iconica stud Valentino è ripresa anche sul finale delle aste.

VA 3025
Occhiale da vista di grande personalità, che riprende i nuovi dettagli iconici Valentino attraverso raffinati accostamenti di colore. Di forma cat eye, il modello ha un frontale bold in acetato,arricchito da piccole borchie metalliche. Le aste dagli inserti in pelle con colore a contrasto hanno stud bianche applicate.
Le declinazioni sono le seguenti: nero con aste nere o rosa; havana biondo con aste blu; blu notte con aste azzurre.

VA 3021
Occhiale da vista in acetato. La montatura squadrata si distingue per l’originale eleganza del frontale, al quale si sovrappone una mascherina trasparente di forma cat eye fissata con piccole borchie metalliche. Etereo e contemporaneo, il modello è disponibile nelle declinazioni: nero, havana scuro e blu notte. Le aste sottili in metallo hanno un terminale in acetato con l’iconica stud Valentino.

www.valentino.com

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending