Connect with us

Mood Town

Le insolite Cook – Quello che non vi aspettate dal piccolo paradiso

DailyMood.it

Published

on

A metà strada tra la Nuova Zelanda e le Hawaii, le Isole Cook rappresentano una delle più belle destinazioni al mondo, il luogo ideale per quanti desiderano allontanarsi dai percorsi turistici più convenzionali. Sono considerate come il paradiso per antonomasia di relax, sole e acque color turchese, ma questo angolo di Sud Pacifico offre anche la possibilità di vivere numerose esperienze da non perdere durante il vostro soggiorno in Polinesia Neozelandese: eccovi alcune delle attività meno mainstream!

Dormire in un glamping di lusso ecosostenibile
L’Ikurangi Eco Retreat è la prima sistemazione completamente ecologica costruita alle Isole Cook, nel villaggio di Matavera, e ha recentemente vinto un riconoscimento per il Turismo Ecosostenibile agli Air NZ Awards. Gestita da marito e moglie, è un luogo ideale per quanti desiderano soggiornare a stretto contatto con la natura. La struttura dispone di uno studio – Tropical Are, 4 Luxury Safari Tents e l’esclusiva Ariki Safari Tent, costruiti su fondamenta superficiali per ridurre al minimo l’impatto ambientale, i servizi igienici sono di compostaggio, i materiali utilizzati sono stati recuperati da fonti sostenibili, i prodotti da bagno sono naturali e biodegradabili così come i prodotti utilizzati per la pulizia. Inoltre, la struttura offre ai propri ospiti biciclette ad uso gratuito per uscire alla scoperta dei dintorni. Le acque reflue vengono riutilizzate per irrigare il giardino e sono state utilizzate lampadine a basso consumo energetico mentre, quando possibile, l’illuminazione avviene tramite energia solare e non c’è aria condizionata delle abitazioni ma ventilatori a pale.

Pa, the medicine man
Pa Teuruaa, uno dei più celebrati tesori nazionali delle Isole Cook, ha completato il suo 5000° ed ultimo trekking tour accompagnando gli escursionisti attraverso gli altipiani di Rarotonga spiegando loro le proprietà delle erbe officinali autoctone dell’isola. Dopo 33 anni, finisce un’era speciale nel turismo ecologico nelle Isole Cook e ne inizia una nuova: il nipote di Pa, Bruce Goldsworthy, continuerà i trekking di mezza giornata nello stile unico tramandato da colui che è stato la “rockstar” del turismo delle Isole Cook e pioniere dell’eco-turismo.

The Mystery Hotel
A Vaimaanga, sul lato sud di Rarotonga, ci sono i resti di un hotel conosciuto come “The Mystery Hotel”, che oggi rappresenta un’attrazione turistica insolita. Fin dal 1987, la struttura è stata oggetto d’interesse di investitori stranieri, tra cui anche degli italiani, che speravano di dar vita ad un albergo di lusso con campo da golf, ma i diversi tentativi sono sempre miseramente falliti. La gente del posto racconta che tutti gli affari collegati all’hotel falliscono a causa di una maledizione lanciata nel 1911: nessuna azienda avrà successo finché la terra non tornerà nelle mani dei legittimi proprietari! Oggi l’edificio in rovina è diventato parte della storia dell’isola, animato da animali selvatici che la scelgono come casa e da giocatori di paintball e laser tag, che usano gli spazi abbandonati come scenario per le loro sfide.

La funzione domenicale
Anche se non siete praticanti, non perdetevi la messa domenicale nella cattedrale di Avarua, recitata in lingua in Maori. È uno spettacolo nello spettacolo, cappellini di ogni foggia e colore indossati dalle donne, abiti di lino bianco, borsette di paglia e foulard, mentre vengono intonati canti sacri e melodie. All’uscita, l’aria scaldata dal sole, profuma di torte e biscotti alla papaya preparati da mamme, zie e nonne per un brunch domenicale formato famiglia.

Prima maratona del piccolo paradiso e gli altri sport
Lo scorso 1° Maggio è stata inaugurata la “Maratona del Paradiso” il cui percorso tecnico mozzafiato, tra dislivelli minimi a livello del mare e su strada asfaltata o battuta, ha regalato agli appassionati l’emozione di tagliare la finish line nella splendida laguna di Aitutaki. Lo straordinario evento, svoltosi nel corso di 4 giornate, da lunedì 30 Aprile a venerdì 4 Maggio, prevedeva tre diverse specialità – 10km, Mezza maratona (21.1km), Maratona (42.2km) – oltre ad una corsa di beneficenza lungo l’Aitutaki Airport Runway. Anche la Round Rarotonga Race che si tiene a settembre nella splendida Rarotonga è totalmente orientata al turista con una dipendenza da running! L’evento principale consiste in una corsa su strada di 31 km, ma si può scegliere tra altri eventi – alcuni caratterizzati da speciali temi o costumi – come la Local Fun Run, la Hash House Harriers Birthday run, la Round Rock o la pazza Nutters Cross Island Run, che inizia a Titikaveka e prosegue verso le creste montuose, attraverso aspre vallate e letti dei fiumi fino alla costa di Avatiu. Quest’ultima in particolare non è per i deboli di cuore, dal momento che il record ancora imbattuto di 45 minuti la rende una sfida avvincente e un grande evento per gli spettatori! Se non amate la corsa, nessun problema… potete scegliere un’esplorazione stile wild in fuoristrada, in quad o in tuk tuk sulla terra ferma, o un’uscita in Jet ski intorno all’isola. Una chicca? L’uscita in Kite SUP illuminato di notte, sotto il cielo stellato!

Atiu, l’isola delle caverne
Atiu, nota anche come Enuamanu (letteralmente, “terra degli uccelli”), è sicuramente l’isola più selvaggia dell’arcipelago delle Isole Cook, ma forse proprio per questo motivo anche la più interessante da visitare. Situata a nordest di Rarotonga, Atiu è la terza isola per dimensioni dell’arcipelago, un tesoro nascosto alle rotte della maggior parte dei viaggiatori. L’isola ha una particolarità geologica che la differenzia dalle altre: è, infatti, circondata da una stretta barriera corallina e ospita una meravigliosa foresta tropicale le cui piante si sono insinuate all’interno del suolo costituito da barriera corallina fossile (un fenomeno detto makatea). La foresta nasconde bellissime grotte calcaree: da visitare senz’altro il Tiroto Tunnel, vera e propria galleria sotterranea che collega il lago di Atiu al mare. È possibile camminarci dentro, finché l’acqua lo permette, dato che la parte finale della galleria è sommersa; non a caso è chiamata la “grotta di fango”. Un’altra grotta imperdibile ha un nome difficile da pronunciare per noi occidentali: Anataketake. All’interno di queste pareti rocciose vive un uccello chiamato Kopeka, capace di “trovare la strada” verso il suo nido anche al buio solo con l’ausilio dell’eco presente all’interno della grotta. Qui è possibile anche fare un bagno rilassante, così come in altre due grotte d’acqua, Nurau e Vai Akaruru.

E di notte… tutti a bordo del Going Troppo!
La sera approfittate del divertentissimo Going Troppo, il discobus che fa il giro dei locali notturni di Rarotonga a tappe e che, a fine nottata, vi riporta in albergo. Un modo alternativo e divertente di passare la serata e conoscere nuovi amici.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × cinque =

Mood Town

Un tocco “ghiacciato” alla vostra vacanza?

DailyMood.it

Published

on

5 destinazioni europee dove potrete vivere una vacanza “on the rocks” dormendo tra il ghiaccio

Gli esperti di Hotels.com® hanno selezionato degli spettacolari hotel, o strutture simili, tra igloo o location di/nel ghiaccio, in cui poter soggiornare in Europa.
Mettete in valigia maglioni pesanti e giacche termiche e preparatevi per una vacanza “on the rocks”.

Northern Lights Village, Finlandia

Northern Lights Village__Kelo-Glass_Igloo

Suite di ghiaccio e cabine di vetro, ecco l’offerta del lussuoso Northern Lights Village in Finlandia: un must to be per coloro che adorano paesaggi ghiacciati. Situato a Saariselka, questo hotel è un luogo magico da cui ammirare l’aurora boreale e le stelle cadenti. Ricordatevi la videocamera per catturare questo spettacolo.

Il Northern Lights Village è disponibile per prenotazione su Hotels.com a partire da €499 per camera a notte.*

Sorrisniva Igloo Hotel, Norvegia

Refrigeratevi al Sorrinsniva Igloo Hotel in Norvegia. Fatto con 250 tonnellate di ghiaccio e 7000 metri cubi di neve, questo albergo è il luogo perfetto per gli amanti dell’avventura Gli ospiti inoltre possono godere di entusiasmanti attività sulla neve come le corse in slitta con cani o safari sulle motoslitte.

Sorrinsniva Igloo Hotel è disponibile per prenotazione su Hotels.com from €442 per camera a notte. *

Blacksheep Village Igloo, Francia

Con vista sul Monte Bianco e situato in uno dei più grandi comprensori sciistici del mondo, il

Blacksheep Igloo Village Francia

Blacksheep Village dovrebbe essere su ogni lista degli appassionati della neve. Ogni igloo viene fornito completo di piumini speciali per mantenere gli ospiti caldi e coccolati durante le notti fredde. Quando non siete tra le piste, gustate un drink accanto al fuoco o concedetevi una fonduta.

Blacksheep Village è disponibile per prenotazione su Hotels.com a partire da €448 per camera a notte. *

Igloo Are, Svezia

Le famiglie in cerca di un’avventura sulla neve troveranno

l’Igloo Are in Svezia il loro paradiso. Cioccolata calda a bizzeffe, bagni termali e le stelle cadenti in abbondanza, sarà difficile non farsi incantare stando in questo hotel. L’albergo ospita anche due piscine all’aperto con acqua caldissima e una grande sauna.

Igloo Are è prenotabile su Hotels.com a partire da €302 per camera, a notte.*

 

Ice Hotel, Svezia

Questa location, immersa e costruita nella tundra ghiacciata, è il primo hotel di ghiaccio costruito al mondo e vanta 1000 tonnellate di ghiaccio e 30.000 tonnellate di mix neve/ghiaccio. L’Ice Hotel è aperto da dicembre a metà aprile offrendo molte opportunità per rilassarsi e godersi l’aurora boreale. Ogni anno l’hotel ha interni di ghiaccio differenti creati da vari artisti e designer del mondo. Tra la selezione di camere disponibili, sia calde sia fredde, spiccano le Art Suites, ognuna individualmente intagliata a mano e mantenuta tra -5 e -8°C.

Ice Hotel è prenotabile su Hotels.com a partire da €259 per camera, a notte.*
* I prezzi segnalati comprendono oneri e tasse per una camera doppia con due occupanti e sono stati rilevati il 30 ottobre 2018. Le camere sono soggette a disponibilità e i prezzi possono variare.

 

 

 

 

 

 

 

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Mood Town

Avventura nel circolo polare artico: aperte le iscrizioni al Fjällräven Polar

Published

on

Torna anche quest’anno Fjällräven Polar, l’evento di successo mondiale organizzato da Fjällräven e che ogni aprile porta una trentina di persone – provenienti da tutto il mondo – nelle regioni artiche scandinave per l’avventura della vita: guidare una muta di cani da slitta per 300 chilometri attraverso la tundra. I partecipanti non devono necessariamente avere esperienze precedenti, perché si tratta di un’opportunità che Fjällräven offre per dimostrare al mondo che, con la giusta attrezzatura e un supporto adeguati, chiunque può affrontare una spedizione invernale nella natura, anche in condizioni estreme.

Fjällräven Polar si rivolge infatti a persone “normali”, con lavori normali e senza particolari esperienze outdoor, a cui offre la possibilità di scoprire quanto può essere fantastica la vita all’aria aperta durante l’inverno. Durante tutto il percorso gli esperti Fjällräven sono sempre al fianco dei partecipanti per aiutarli a gestire situazioni di cui non hanno alcuna esperienza.
Durante il viaggio, ognuno sarà chiamato a guidare la propria slitta, prendersi cura dei propri cani, farsi da mangiare ed allestire il proprio accampamento.

Il punto di partenza sono le montagne innevate norvegesi che, lasciate alle proprie spalle, danno l’inizio all’avventura nell’inverno selvaggio.
Prima tappa Pältsa, con gli epici paesaggi innevati che attraverso una delle aree più estese d’Europa di gelo permanente. Il percorso prosegue poi su una delle antiche tratte commerciali Sami per approdare poi a Kattuvuoma, sul letto del Torneälven River, ricoperto da uno spesso strato di neve e ghiaccio. Si arriva in seguito a Sevujärvi, dove il panorama inizia a diventare più dolce e foreste rade iniziano a dominare la vista. Il traguardo è Väkkäräjärvi e alla fine del percorso, sauna e cibo caldo aspettano i partecipanti, per concludere in bellezza questo viaggio entusiasmante.

Lo scorso anno sono state caricate 4.573 richieste e il sito dedicato alle iscrizioni ha ricevuto quasi 3 milioni di visualizzazioni, mentre i candidati hanno raccolto un totale complessivo di circa 987.000 voti.
Il periodo di presentazione delle domande per l’edizione 2019 va dal 15 novembre al 13 dicembre 2018. Anche quest’anno tutti i paesi del mondo sono raccolti in 10 macroregioni, ciascuna delle quali ha a disposizione due posti, uno per chi ottiene il maggior numero di voti online e uno per chi verrà selezionato dalla giuria.
Per inviare la propria candidatura, gli aspiranti partecipanti devono registrarsi sul portale dedicato – https://polar.fjallraven.com/ – dove sono chiamati a caricare un video o delle foto che spieghino al meglio il perché dovrebbero essere scelti.

Ma come è nata questa straordinaria quanto adrenalinica avventura? Tutto ha avuto inizio nei primi anni ’90 quando il fondatore di Fjällräven – Åke Nordin – incontrò Kenth Fjellborg, uno dei più conosciuti sleddog drivers in Sveza, in occasione della più importante competizione di sleddog: la leggendaria Iditarod Race in Alaska. Åke, infatti, rimase talmente colpito dalla gara e dai suoi partecipanti che pensò di creare qualcosa di simile in Svezia.
Nel 1997 venne quindi lanciata la prima edizione di Fjällräven Polar e per circa una decade proseguì con il format di una gara, seguendo l’esempio dell’Iditarod Race. Ma è nel 2012 che, dopo circa sei anni di perfezionamento delle modalità di partecipazione, degli aspetti logistici e tecnici, il Polar ha assunto le sue forme attuali: non una gara, non un modo per mettere alla prova le capacità di esperti in sleddog, ma un evento per persone comuni. All’inizio sembrò un’idea folle portare una trentina di persone senza alcuna abilità ed esperienza nella natura selvaggia in uno degli ambienti più difficili del mondo, la tundra artica. Ma Fjällräven ha sempre creduto che con il giusto supporto, equipaggiamento e mentalità, questa sarebbe potuta diventare per chiunque l’avventura dei propri sogni.

E ha avuto ragione. L’evento ha avuto sempre più successo, in particolare grazie allo spirito dei suoi primi partecipanti che hanno dimostrato come con coraggio, consigli, la guida degli esperti e un equipaggiamento di altissima qualità sviluppato per resistere alle temperature più rigide, chiunque può accettare la sfida del Fjällräven Polar.
Nel corso degli anni, i partecipanti si sono trovati ad affrontare di tutto: dalle bufere di neve ai -30°C di temperatura, fino ai meravigliosi e soleggiati paesaggi ricoperti da una coltre scricchiolante di neve bianca. Per alcuni partecipanti si tratta di un modo per ricongiungersi con la natura, per altri di un’occasione per testare i propri limiti.
Ve la sentite di provare?

di Lidia Pregnolato per DailyMood.it

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Mood Town

La magia del Natale in Lussemburgo: un tuffo tra i tanti Christmas Markets a tema e un Villaggio di Natale Medievale

DailyMood.it

Published

on

Lo spirito del Natale sta per arrivare in Lussemburgo: nella Capitale, e non solo, tutti gli amanti di questa festività potranno trovare il modo perfetto per trascorrere le feste! Ogni angolo del Paese proporrà infatti i caratteristici Christmas Markets, per un’esperienza di shopping natalizio unica e coinvolgente.

Lussemburgo, 22 novembre-24 dicembre
Ogni anno, i tradizionali mercatini di Natale trasformano la città di Lussemburgo in un grande villaggio di Natale. Impossibile non rimanere colpiti dalla suggestiva atmosfera festiva che caratterizza la città in questo periodo dell’anno: luci natalizie illuminano le strade e addobbi di ogni tipo vivacizzano le case, la musica festosa fa da sottofondo alla ruota panoramica, le giostre e gli spettacoli portano allegria in ogni piazza. Infine, i tradizionali mercatini con i loro chalet di legno offrono qualsiasi genere di prodotti: artigianato, vestiti, scarpe, borse e accessori, ma anche delizie da mangiare e bevande tipiche come il Glühwäin (vino caldo) e cibi tipici come il Grillinger, il Mettwurscht (salsicce lussemburghesi) o le Gromperekichelcher (frittelle di patate).

Sparsi per la città si troveranno diverse tipologie di mercatini, ognuno con un tema diverso: quello “cosmopolita” a Place de la Constitution: gli chalet in legno offrono specialità culinarie e artigianato provenienti da tutto il mondo, rendendolo il luogo perfetto per scoprire le tradizioni natalizie anche degli altri Paesi; quello “tradizionale” a Place d’Armes, caratterizzato da un’atmosfera natalizia tipicamente lussemburghese, con stand che offrono artigianato locale e cucina tipica tradizionale; quello “artigianale” a Place de Paris è il classico mercatino dell’Avvento dove, oltre a bevande calde e cibo, si può trovare una selezione di oggetti artigianali e decorazioni natalizie; il mercatino “gastronomico” nella zona del Grund, dedicato agli amanti del cibo e ricco di prodotti locali e regionali come sanguinaccio, lumache, patate al forno ripiene, foie gras, panini a base di Angus e specialità di formaggi grigliati; infine, i mercatini di “Roude Pëtz” nella Grand-Rue, dove associazioni di beneficenza locali vendono i loro prodotti per raccogliere fondi, un ottimo modo per celebrare il vero spirito del Natale.

Dopo una lunga passeggiata e tanto shopping natalizio non c’è niente di meglio di un po’ di relax nei tanti caffè, pasticcerie e shop gastronomici che si trovano lungo le vie del centro della città e dove si possono gustare prodotti di alta qualità. Da non perdere, per i più dinamici, anche la pista di pattinaggio sul ghiaccio, proprio al centro della città.

Dudelange (Regione delle Red Rock), 7-12 dicembre
Per chi è alla ricerca di qualcosa di diverso dal solito da non perdere sono i mercatini di Natale Medievale del pittoresco villaggio di Dudelange, a sud del Paese. Accanto al classico Mercatino di Natale con i tipici chalet che vendono ogni tipo di prodotto e dove si
possono acquistare i regali natalizi, ci saranno anche concerti quotidiani sul palcoscenico e animazione nel borgo, il tutto a tema medievale! Un’esperienza che porta turisti e visitatori indietro nel tempo, fino all’epoca medievale, per vivere questo Paese in maniera originale e divertente insieme a tutta la famiglia.

Echternach (Regione Müllerthal), 14-16 dicembre
Il mercatino di Natale di Echternach è uno dei più antichi mercatini di Natale in Lussemburgo. Questo famoso mercatino di Natale conta più di 80 espositori e artigiani locali e permette ai visitatori di fare una passeggiata attraverso le vie di questa caratteristica cittadina medievale.

Tutti gli amanti del Natale e dei mercatini possono volare in Lussemburgo facilmente grazie a Luxair, compagnia aerea di bandiera che opera tutto l’anno con voli da Milano, Roma e Venezia.
Un’ottima occasione per approfittare dei comodi voli e trascorrere le festività natalizie in Lussemburgo!

Per maggiori informazioni: www.luxair.it

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending