Connect with us

MFW Donna A/I 2017-2018

Midali incontra l’arte della portabilità minimalista alla MFW

T. Chiochia Cristina

Published

on

La collezione presentata per la Milano Fashion Week, nello storico spazio di Martino Midali spesso sede dei suoi incontri con l’arte ed il design durante il MiArt, si apre con una esplosione di colori. I colori che ti aspetti che accompagnino il classico nero per l’ inverno, ma mixati in modo nuovo e che, nell’accostamento della palette, ricostruiscono appieno quello che è il “look Midali”, tanto amato anche da star come Stefania Sandrelli e sua figlia. In un susseguirsi dinamico di forme geometriche i capi paiono non solo votati alla vestibilità ma anche a caratterizzare una donna così com’è: autenticamente se stessa, accattivante, dinamica che ama piacersi prima di piacere. Ed ecco quindi i capispalla oversize, i cappotti in velluto, i completi con gonne larghe.
Lo slogan di Martino Midali pare quello di rimanere fedele a se stesso quindi, come il mantra della vestibilità declinata al femminile che ha scelto e che si addice molto anche a questa collezione: “il passato mi ispira, il presente mi coinvolge ed il futuro mi emoziona…” Una donna emozionale quindi, quella di Midali che gioca con se stessa e con il suo modo di essere femminile in modo dinamico ma anche casual, sempre autenticamente vero attenta a ciò che le sta intorno ma da cui non è condizionata. Alla ricerca delle sue emozioni più profonde nel mood della portabilità dell’abito, nella sua unicità di donna. Ecco che la collezione presentata a Milano durante la MFW nel suo concept store in Via Fratelli Bronzetti, rievoca quasi l’origine della tradizione dello stilista che negli abiti ricerca sempre quella “forma d’arte che si declina nell’estro della nostra personalità“. La forma d’arte che si ritrova sempre nei suoi capi. Quello che è stato chiamato “texture emotive” si ritrova appieno anche nella sua nuova collezione: colori che rievocano la tradizione dello stilista, tonalità textures, motivi da combinare, quasi voler incastrare, volutamente da completare, quasi si fosse sempre alla ricerca di una “falsa casualità” di grande interazione armonica però, di disegni grandi che si fanno piccoli, che si sviluppano astratti e poi geometrici, dove il rigato torna ad essere disegnato fino a diventare una fantasia addirittura “jungle” . Il mood dell’arte della portabilità minimalista in una sintesi quasi poetica del brand che non smentisce e continua ad essere forse, per questo tanto più amato quanto piu’ ricercato dalle molte clienti affezionate di suoi negozi.

di Cristina T. Chiochia per DailyMood.it

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 × due =

MFW Donna A/I 2017-2018

Phaedo F/W Collection 2017-2018

DailyMood.it

Published

on

Phaédo ha scelto la Triennale di Milano per presentare la sua prima installazione dove mette in scena forma e materia e dove l’arte manifatturiera tocca un tale livello di dettaglio, cura e ricercatezza da sorprendere.

Zhuzhu, il giovane artista di origine Cinese, ha una capacità unica di catturare l’energia sprigionata da oggetti di uso quotidiano e di trasformarla in sorprendenti creazioni attraverso un processo cognitivo ed emozionale che muta e nobilita materiali semplici e naturali come la carta della tradizione Cinese, seta, cotone e terra.
Una lavorazione che si avvicina all’approccio dello scienziato che studia, osserva, prova e va in profondità di ogni cosa. Una sapiente e paziente lavorazione manuale.
E’ questo l’unico processo e l’unico approccio concepito da Zhuzhu e dal suo team che da tre anni si dedica alla nascita di una collezione che abbraccia tutti gli aspetti della vita: natura, materie prime, tempo che trasforma e modella tessuti e colore, osservazione minuziosa di ogni cambiamento.
Un processo artistico emozionale rappresentato in un’installazione scenografica in cui il visitatore entra fisicamente nel mondo Phaédo per scoprirne gli elementi distintivi: i mattoni composti da amido di riso, olio e argilla impiegati per i pavimenti e che lui trasforma in display, le grucce realizzate interamente a mano, le sete e i cotoni impalpabili tinti a mano che paiono tele, gli elementi naturali completamente trasformati e riadattati per diventare vere opere d’arte.
From Things to Form rappresenta un primo appuntamento con questo artista complesso e visionario che vede la moda come l’unione tra Est e Ovest, femminilità e contemporaneità, con tessuti, colori e forme adatti ad ogni età ed ogni tipo di donna. Universale, come l’arte.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

MFW Donna A/I 2017-2018

Alcoolique Fall Winter 2017-2018 – Le Fleurs du Mal

DailyMood.it

Published

on

Emozioni.
Colori.
Opulenza.

La collezione Fall/Winter 2017‐2018 di Alcoolique creata da Rocco Adriano Galluccio, prende la sua più grande ispirazione dalle emozioni.
Un tripudio di colori, lustrini, spille, velette e broccati che, come consuetudine del brand, si ispirano a più di una corrente artistica.. a più di un’epoca storica.
Si parte con un richiamo ai fasti della Versailles del 1600, capace di fare apparire l’intera collezione elegantemente studiata e pensata per una donna sicura di sé.
Si va avanti, con leggiadra lentezza, attraversando i secoli fino ad arrivare alla Belle Epoque, periodo che rende il resto della collezione estremamente femminile esaltandone le forme ampie sia per il giorno, che per la sera.
Molti gli accessori capaci di completare il look in maniera naturale: turbanti in velluto, spille da balia impreziosite da cristalli, perle e smeraldi applicate su camicie in cotone stampato.

Un tocco sporty fa capolino di quando in quando per sdrammatizzare l’abito da gran sera, o sulla tuta in velluto arricchita da rouches a contrasto.
L’atmosfera si tinge di bordeaux, verde bosco, tessuti effetto lurex, pizzo nero ricamato con paillettes.. le trasparenze giocano a favore della figura femminile, che viene sempre più esaltata dai preziosi ricami ton sur ton.
Molti i richiami alla regalità e all’opulenza di corte: velette, fiocchi con cristalli nel centro, ex voto e spille compaiono sugli abiti in jacquard broccati e crêpe di seta.
La collezione vede la presenza di soffici eco pellicce prese in prestito dagli Anni ’80, che si tingono di rosso rubino, rosa pastello e il verde smeraldo.

Eccola la nuova Femme Alcoolique: si aggira per eleganti salotti, legge libri di Baudelaire sdraiata e sognante, ma sempre pronta a nuove sfide e ad ogni occasione.
Una donna per cui lo stile da giorno si fonde amabilmente con quello da sera e che nulla lascia al caso.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

MFW Donna A/I 2017-2018

San Andrès Milano • Autumn/Winter 2017.18 – SUEÑO SURREALISTA

DailyMood.it

Published

on

Un viaggio surreale, onirico, intimo, che inizia nei luoghi di potere dell’antico Messico e giunge sino ai tempi nostri.
Andrès Caballero, direttore creativo della maison San Andrès Milano, per la collezione Autunno/Inverno 2017/2018,
Si lascia ispirare dalle antiche arti sognatrici dei veggenti del Messico antico, che celebravano i luoghi sacri con rituali e cerimonie propiziatrici per la natura e gli spiriti del luogo.
Energia potente e vibrante, come quella degli antichi guerrieri toltechi, che nella collezione si trasformano in fanciulle-sciamane.
In questo viaggio si entra in contatto con l’esplorazione degli elementi più umani, i cinque sensi, che vengono stimolati una volta che ci trova nell’installazione luminosa circolare ricca di energia positiva.
Ci si sente accerchiati, osservati, giudicati e guidati dalle 12 sculture-manichino con struttura in ferro che indossano la collezione.
Un vero e proprio rituale propiziatorio, che consente di vivere al limite tra dimensione reale e spirituale.
Un’esperienza rimarcata anche dalla musica pre-ispanica, con note elettroniche, composta in esclusiva per il brand.
Una collezione dal carattere sartoriale, dominata da lavorazioni floreali jaquard, di ispirazione surreale . Di grande impatto le cappe over in mohair con inserti di pelliccia.
Fit rilassati, ampi, quasi fossero delle lussuose vestaglie da camera.
Sotto, degli abiti a trapezio, anch’essi in prezioso jaquard, con maniche ampie a campana, abbinati a camice in taffetà e gonne drappeggiate. Il tutto impreziosito dai luccichii dei ricami di cristalli Swarovski, applicati alle sete più leggere e ai tessuti corposi.
La palette cromatica della collezione è un’ode alle cromie delle sconfinate terre messicane, al calar del sole: Bluette, Mexican Pink, Mandarin Gold, Silver, Stone Grey & Deep Black.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending