Un’edizione limitata dedicata a una delle stilografiche più esclusive e raffinate nella storia degli strumenti di scrittura

0

wExtra-Lucens-L.E.-closed14 giugno 2013

Realizzata per la prima volta da Armando Simoni nel 1936, la Extra Lucens è ancora oggi considerata una della stilografiche più eleganti e ricercate tra gli strumenti di scrittura.

Il modello a dodici faccette, realizzato in celluloide trasparente in disegni e colori esclusivi, richiedeva una lavorazione lunga e complessa, realizzata da mani esperte e macchinari di altissima precisione. Una produzione che sfiorava la perfezione, ma limitata a pochissimi esemplari.

Il modello degli anni 30 è considerato estremamente raro e di pregio, un oggetto molto difficile da reperire per tutti gli appassionati e collezionisti.

Omas vuole rendere omaggio al modello originale Extra Lucens attraverso una reinterpretazione che arricchisce la “Collezione Vintage”, il filone inaugurato nel 2011 che vede ogni anno il lancio di Edizioni Limitate ispirate alla storia quasi centenaria del brand.

Oggi come allora la lavorazione è manuale, il processo produttivo è esattamente lo stesso così come i macchinari utilizzati, realizzati all’epoca da Armando Simoni.

La forma è fedele all’originale e la celluloide utilizzata è ispirata a quelle delle prime produzioni degli anni 30.

Il colore nero screziato di oro, pieno nel cappuccio, alternato a trasparenza nel serbatoio, crea un effetto molto raffinato e ricercato, sottolineato ulteriormente dalle finiture in oro giallo.

Il cappuccio è impreziosito da tre piccole vere e dalla clip con rotella in onice nera. Il pennino OM81 è in Oro 18K abbellito dal classico disegno “freccia”, il conduttore in ebanite, lo storico materiale che permette un ottimale flusso di inchiostro.

Il serbatoio è personalizzato dalla scritta “OMAS Extra Lucens” mentre il cappuccio presenta la numerazione e la scritta “Italy”. L’Edizione Limitata e Numerata è composta da 331 stilografiche a stantuffo.

Info: www.omas.com

Share.

About Author

DailyMood.it

Comments are closed.